L’onda lunga delle elezioni europee arriva anche in Sicilia dove il centrodestra governa già da 18 mesi. Il voto per Bruxelles, infatti, ha disegnato rapporti diversi nella maggioranza di Nello Musumeci. La Lega, infatti, ha eletto due europarlamentari, mentre al centro presunto moderato di Forza Italia ha registrato un sostanziale fallimento. E Musumeci, dunque, annuncia il rimpasto. “C’è la volontà di procedere a un rimpasto cosa che faremo entro l’estate perché un ritocco al motore va fatto”, dice il presidente della Regione da Palermo, a margine del convegno su trasporti e infrastrutture organizzato dalla Cisl Sicilia.

Ritocchi a parte, però, appare evidente che dietro all’annuncio di Musumeci ci siano i leghisti siciliani: in giunta, infatti, il Carroccio non ha neanche una poltrona di assessore. Mentre sono addirittura tre gli assessorati garantiti ai moderati di centro, che hanno sostenuto l’ex ministro Saverio Romano alle europee, terzo classificato con Forza Italia. Ed è per questo motivo che Musumeci – che non ha appoggiato nessuno alle elezioni per Bruxelles – pensa già alla nascita di un nuovo partito che raccolga le macerie dei forzisti e si ponga a sinistra di Matteo Salvini.

“Non è una novità ma da un anno ripetiamo la necessità di creare in Italia un soggetto moderato che possa interpretare una fascia di elettorato che non va più a votare, che non vuole stare con centrosinistra, sinistra e Movimento Cinquestelle. Credo che questo spazio elettorale si possa trovare alla sinistra di Salvini non a destra“, ha detto Musumeci, che proviene da destra. Il suo nome come presidente della Regione era stato fatto da Fratelli d’Italia, anche se il presidente siciliano è indipende. “Tuttavia – ha aggiunto – dipenderà dalle condizioni nel senso che dobbiamo mettere assieme quattro, cinque soggetti di sensibilità e cultura differenti per capire se si può arrivare alla nascita di questo nuovo soggetto, altrimenti si penserà, e nel mio partito prevale questo tesi, a creare un patto federativo con un soggetto già esistente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee 2019, Travaglio: “M5s? Con questo esito apocalittico gli conviene forse tornare all’opposizione”

next
Articolo Successivo

M5s, il senatore Di Nicola si dimette da vicecapogruppo: “Atto necessario per discutere democraticamente tra noi”

next