“Sono orgoglioso di questi cinque anni alla Juve: l’addio è una scelta societaria ma non sarei rimasto comunque in eterno. Lascio una squadra più forte delle altre, con una società solida che mette tutti in condizione di lottare per vincere. Ci vuole unione di intenti e serietà, cose che ho riscontrato in tutti coloro i quali ho allenato e con cui ho collaborato. La sconfitta di oggi? Siamo in vacanza da un mese”. Così Massimiliano Allegri alla sua ultima conferenza stampa da allenatore della Juve dopo il ko con la Samp che chiude il campionato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inter e Atalanta in Champions, Milan in Europa League, Genoa salvo, Empoli in B: gli ultimi verdetti della Serie A

prev
Articolo Successivo

Roma, dopo 18 anni De Rossi lascia l’Olimpico tra selfie e abbracci. Ieri l’ultima partita in giallorosso

next