Bagarre a L’Aria che tira (La7) tra il deputato M5s, Ignazio Corrao, e Giorgio Pizzol, trevigiano, ex senatore del Psi, in carica dal 1987 al 1992.
Pizzol ha querelato il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, e lo stesso Corrao, reo di aver definito il vitalizio parlamentare “un privilegio clamorosamente rubato” proprio nella trasmissione condotta da Myrta Merlino. La querela ha coinvolto anche L’Aria che Tira, che, secondo Pizzol, si è fatto veicolo del messaggio.

L’ex parlamentare spiega: “A nessuno fa piacere essere chiamati ‘ladri’, perché, se io sono autore di un privilegio rubato, vuol dire che sono un ladro. Questo è il messaggio che passa tra la gente e non lo posso accettare. Io ho querelato per difendere la mia reputazione e non perché non sono d’accordo con l’abolizione del vitalizio, che può essere cancellato, decurtato o ricalcolato“.

Corrao contrattacca, mostrando una coccarda rossa recante il logo del M5s: “Per me, Luigi Di Maio e l’europarlamentare Tiziana Beghin, tutti querelati dal senatore, questa querela è una medaglia al valore. Grazie, grazie per difendere quel privilegio di fronte a un Paese che soffre”.
“E allora ci vedremo in tribunale – ribatte Pizzol – Solleciti la celebrazione del processo. Io vengo volentieri”.
“Verrò in tribunale con questa medaglia al valore – ribadisce Corrao – C’è il popolo da una parte e una casta arroccata sui privilegi, dall’altra. E’ una vergogna, è una vergogna!“.
“Venga, venga – replica l’ex senatore socialista – Io vengo per le mie medaglie, che sono sicuramente migliori delle sue. Io sono un lavoratore più di lei, se mi permette. Ho cominciato a lavorare a 17 anni e ho finito a 73 anni. Faccia un po’ il conto su quanti anni ho lavorato io”.
“E’ una questione di giustizia sociale”, obietta il senatore ex Psi.

Dopo la pubblicità, il colpo di scena. Pizzol rivela: “Io non difendo i vitalizi, ma la mia reputazione. La mia onestà è certificata. E sa da chi? Proprio da voi. Sono iscritto dal M5s esattamente dal 5 settembre 2017″. E mostra il documento di iscrizione alle telecamere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Travaglio: “Berlusconi dice che votando M5s italiani scelgono Barabba? Ci assomiglia più lui, visto che è un pregiudicato”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi a Mentana: “Ma lei crede ancora alle cose che i politici dicono in campagna elettorale?”. E loda i comunisti

next