Tre serie su quattro possono andare in archivio già tra mercoledì e giovedì sera. Difficile, certo, ma non impossibile. Perché – al netto del tonfo interno dell’Ax Milano in gara-1 contro la Sidigas Avellino – il fattore campo non è un luogo comune ma un fattore per davvero nei quarti di finale dei playoff di Serie A. Cremona, Venezia e Sassari chiudono il primo doppio impegno interno spostandosi rispettivamente a Trieste, Trento e Brindisi sul 2-0, margine rassicurante sotto il profilo psicologico. La squadra di Gianmarco Pozzecco può chiuderla già stasera, Cremona e Venezia saranno impegnate domani.

Avrà bisogno di almeno altre due partite, invece, il faccia a faccia tra Milano e Avellino. I biancorossi campioni in carica raddrizzano la serie dopo il k.o. al Forum di Assago all’esordio con una vittoria larga (76-61) costruita tutta in un secondo quarto di rabbia (29-12) dopo che nei primi 10 minuti i biancoverdi guidati da Kyfer Skyes (23 punti alla fine) avevano nuovamente messo in crisi i ragazzi di Simone Pianigiani portando il pubblico milanese, scioccato dall’esordio nei playoff, a fischiare sonoramente la partenza timida. Pentole e coperchi sono opera di James Nunnally e Curtis Jerrells (37 punti in due, la metà di squadra), ma la qualità del gioco latita (44.7% da 2 e 10/30 da 3) e la doppia trasferta di Avellino si preannuncia caldissima. 

‘Ambientino’ probabile anche a Trieste e Brindisi per Cremona e Sassari. La Vanoli di coach Meo Sacchetti piega in gara-2 l’Alma Pallacanestro grazie all’allungo nel terzo parziale firmato da Andrew Crawford (23 punti) e la difesa capace di abbassare le percentuali di Justin Knox (21 punti) e compagni. Al momento è il quarto più aperto e divertente, come dimostrano gli scarti delle due partite (7 e 8 punti). Il muro del palasport triestino sarà la chiave per spingere Zoran Dragic (0 punti in gara-2) e Hrvoje Peric, finora grande assente, a provare ad allungare il più possibile la serie e tornare a Cremona. Compito più arduo per l’Happy Casa Brindisi di Frank Vitucci contro la Dinamo Sassari.

Come per Trieste, anche il palasport brindisino (palla a due questa sera alle 20.30) è un catino capace di rivitalizzare una squadra arrivata ai playoff in debito di ossigeno e di un americano (l’impatto di Phil Greene è stato nullo: 3 punti in due partite). Eppure, nonostante tutto, i biancazzurri sono la squadra impegnata in trasferta che in gara-2 è andata più vicina al colpo grosso (finale 106-97, ma è stata partita vera fino a meno di 1′ dalla sirena) grazie al talento di Adrian Banks (27 punti) e Riccardo Moraschini (19). Limitare tatticamente i chili di Jack Cooley (4/10 al tiro) non è però bastato a Brindisi, sempre sul pezzo, per riequilibrare un gap fisico notevole (50 a 24 a rimbalzo) e il peso specifico differente delle due panchine. Pozzecco continua ad avere tanta qualità da Deshawn Pierre (15 punti e 15 rimbalzi) e a pescare jolly alle sue spalle: Achille Polonara, Stefano Gentile e Marco Spissu hanno confezionato 45 punti (8/13 da 3) costringendo Brindisi a giocarsi il tutto per tutto in casa. Coach Vitucci è pronto a calare il rientro di Devondrick Walker come carta per sparigliare dopo aver già trovato alcuni accorgimenti tattici importanti in gara-2.

La serie che in teoria avrebbero dovuto essere la più equilibrata, dopo le prime due partite sembra essere quella segnata. Non per il 2-0 in sé, ma per la manifesta superiorità finora dimostrata dalla Reyer Venezia, arrivata zoppicante ai playoff. La Dolomiti Energia Trento, finalista negli ultimi due campionati, è affondata anche in gara-2 in un match senza storia. Quando gli orogranata si sono sbloccati dopo un avvio di rara bruttezza (4-4 dopo 6 minuti e appena un canestro dal campo) la squadra di Maurizio Buscaglia non hanno mai trovato contromosse per arginare un ritrovato Austin Daye e la coppia di lunghi Watt-Vidmar. Trento va a giri ridotti e in attacco non trova mai soluzioni comode chiudendo con appena 51 punti e percentuali di tiro imbarazzanti (35% da 2 e 2/11 da 3). Così Venezia si sposta fuori casa con convinzioni ritrovate e il tempo di registrare il proprio motore: passare il test lontano dal Taliercio significa far suonare l’allarme rosso in casa delle altre pretendenti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Niki Lauda morto a 70 anni, la carriera da leggenda: dall’incidente di Nuerburgring ai titoli mondiali

next