Cinque delle otto squadre avrebbero potuto tranquillamente non esserci. Chi per i pronostici di inizio stagione, chi perché ha navigato per mesi fuori dalla zona playoff. Adesso giocano tutte contro l’Armani Exchange Milano, il giocattolo costruito da Giorgio Armani e affidato alle mani di Simone Pianigiani, candidata numero uno per lo scudetto. Come sempre da quando il Monte dei Paschi Siena è scomparso dai radar del campionato italiano schiacciato dalla crisi della banca (e non solo). Non ci è sempre riuscita, cedendo il passo di tanto in tanto a Umana Venezia e Banco di Sardegna Sassari che si ripresentano di nuovo tra le otto in corsa con l’intenzione di rompere le uova nel paniere all’Olimpia.

Non le sole, visto che anche la Vanoli Cremona di Meo Sacchetti – coach pronto a vivere la corsa scudetto come il giro di prova prima dei Mondiali in Cina alla guida della Nazionale – è seriamente candidata, dopo aver vinto la Coppa Italia, a un ruolo da assoluta protagonista nel prossimo mese. Durante il quale pure Happy Casa Brindisi, Pallacanestro Trieste, Dolomiti Energia Trento e Sidigas Avellino proveranno a dire la loro. Molte sono entrare tra le migliori otto per il rotto della cuffia al termine di un’ultima giornata di stagione regolare che ha assegnato 3 posti: la dimostrazione – assieme alle vittorie in coppe europee di Sassari e Virtus Bologna – della vivacità del campionato italiano, nonostante lo stato di salute precario in chiave economica come dimostrano i problemi di Trieste, ignorati nello spogliatoio, il caso dell’Auxilium Fiat Torino e le cattive acque nelle quali è stata abbandonata la Pallacanestro Cantù a inizio anno. Ecco numeri, curiosità e storie delle otto che si giocheranno la vittoria dello scudetto: una corsa che Ilfattoquotidiano.it seguirà con regolarità.

a cura di Daniele Fiori, Alberto Marzocchi, Andrea Tundo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, l’audio di De Rossi agli amici: “Ho detto ai dirigenti ‘datemi 100mila euro a partita e vediamo se sto male'”

prev
Articolo Successivo

Pallavolo, finali di Champions League: l’Italia sogna con tre squadre su quattro. Al femminile Conegliano contro Novara

next