Apple ha annunciato l’aggiornamento della gamma di notebook MacBook Pro indirizzati ai professionisti e a chi necessita di prestazioni elevate. Oltre alla dotazione precedente, esordisce quella basata sui processori Intel Core di nona generazione a 8 core. I modelli esordienti sono due, con schermi da 13 e da 15 pollici. Solo questi ultimi beneficiano di CPU a otto core, il MacBook Pro 13″ invece si avvantaggia della Touch Bar, la “striscia” sopra alla tastiera composta da tasti che si azionano a sfioramento e le cui funzioni cambiano a seconda dell’applicazione attiva.

Per i modelli con CPU a otto core il produttore promette un incremento di prestazioni pari al doppio rispetto ai MacBook Pro con processore quad-core e del 40% rispetto ai MacBook Pro a 6 core. Nell’apportare esempi pratici, Apple scrive che i designer 3D possono effettuare le operazioni di rendering (elaborazione video) fino a due volte più velocemente con il software Maya Arnold, i fotografi possono applicare filtri complessi in Photoshop con velocità fino al 75% superiore, gli scienziati e i ricercatori possono elaborare complesse simulazioni fluidodinamiche con velocità fino al 50% superiori in TetrUSS.

La lista delle promesse è lunga, tutti i dati saranno da verificare in fase di test. Risponde all’appello su entrambi i modelli l’immancabile schermo costruito con tecnologia Retina, che promette una luminosità di 500 candele al metro quadro e dispone della tecnologia True Tone per riprodurre colori più naturali. Chiudono il cerchio gli altoparlanti stereo, lo sblocco sicuro del sistema tramite il Touch ID (la tecnologia presente sugli iPhone), e un grande touchpad.

Tutti i nuovi Mac hanno preinstallato di serie il sistema operativo macOS Mojave, con la Modalità scura che aiuta l’utente a focalizzare l’attenzione sui contenuti.

Parlando di prezzi e configurazioni, il nuovo MacBook Pro 13″ ha un prezzo di partenza di 2.099 euro e integra un processore quad-core Core i5 di ottava generazione, 8 GB di memoria RAM e un’unità di archiviazione SSD da 256 GB. Chi desidera un più potente processore Core i7 quad-core di ottava generazione dovrà spendere 360 euro in più; l’aggiornamento a 16 GB di memoria RAM costa 240 euro in più; l’ SSD fino a 2 TB costa 1.500 euro in più.

Il modello da 15 pollici ha invece un prezzo di partenza di 2.899 euro, nella configurazione con processore Core i7 di nona generazione a sei core, 16 GB di memoria RAM, grafica dedicata Radeon Pro 555X e supporto di archiviazione SSD da 256 GB. Per avere il processore a otto core Core i9 di nona generazione bisogna spendere 360 euro in più, alzare la RAM a 32 GB costa 480 euro in più). Il top di gamma ha infine una quotazione di partenza di 3.399 euro, per l’allestimento con processore Core i9 di nona generazione con 6 core, 16 GB di memoria RAM e SSD da 512 GB.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il videogioco “storico” Dungeons & Dragons usato per insegnare matematica e logica

next
Articolo Successivo

Svelato un problema di sicurezza di Windows 10, il rimedio non c’è ancora

next