In attesa del voto delle Europee, restano diversi fronti aperti all’interno del governo. E tra questi, dopo le affermazioni di Salvini sui ritardi della riforma del processo penale, è tornata pure la giustizia. “La riforma sarà snodo fondamentale dopo il 26 maggio, aspetto di vedere il testo del ministro Alfonso Bonafede, dato che ha ampiamente annunciato via stampa che è pronto”, aveva spiegato Salvini. Per poi tornare a pungere sulla prescrizione: “I patti sono chiari. O parte la riforma complessiva del processo penale, o non esistono processi all’infinito”. Parole alle quali ha replicato stizzito il vicepremier Di Maio: “Mi risulta che il ministro Bonafede la riforma ce l’abbia già pronta: dovevano fare una riunione con la Lega per dirimere le cose su cui non erano d’accordo ma è saltata già due volte”. E ancora: “Magari se si fanno i vertici di governo a vari livelli si risolvono i problemi”, ha concluso il vicepremier pentastellato
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Conti pubblici, Giorgetti: “Sforare il 3%? Dipende per cosa, il tetto non è scritto nelle tavole di legge”

prev
Articolo Successivo

Lega, L’Espresso: “Soldi pubblici usati per pagare propaganda personale di Salvini”

next