Non ha dimenticato l’Editto Bulgaro: nega addirittura di averlo fatto. Silvio Berlusconi si è riscoperto sostenitore della libertà d’informazione e del servizio pubblico. L’ex presidente del consiglio è intervenuto a difesa di Fabio Fazio, conduttore di Che fuori tempo che fa, il programma del lunedì sera che chiuderà lunedì 13 maggio con tre settimane di anticipo. ”Non credo che si voglia arrivare a questo”, ovvero a cacciarlo dalla Rai, ma, “certo, la censura è stato un episodio grave…”, dice il leader di Forza Italia. Ma come? Proprio lui? L’uomo che il 18 aprile del 2002 tuonò da Sofia, in Bulgaria: “L’uso che Biagi, Santoro, Luttazzi hanno fatto della televisione pubblica, pagata coi soldi di tutti, è un uso criminoso”. Un vero e proprio diktat dato che nei mesi successivi i tre volti televisivi scomparvero gradualmente dalle reti Rai, seppur con modalità diverse.

Diciassette anni dopo, però, Berlusconi nega. “Io non ho mai fatto un editto bulgaro…”, sostiene oggi.  “Ma se avessi tolto io tre puntate a Fazio  sarebbe stato un inferno“, dice l’ex cavaliere all’Aria che tira. Parole da statista e sostenitore della libertà d’informazione.  Poi, per difendere Fazio, Berlusconi indossa l’altro suo abito storico: quello dell’editore televisivo: “C’è un contratto e i contratti vanno rispettati. Anche se devo ammettere che da quando è stato trasferito sulla prima rete, gli ascolti non sono granchè”.

Parole da politico ma anche di imprenditore della tv, nella stessa intervista. Una duplice veste spia di un conflitto d’interessi mai risolto. E infatti, ecco che il leader di Forza Italia commenta anche la bozza di legge presentata sul tema dal Movimento 5 stelle: una proposta che esclude da incarichi di governo i soggetti con un patrimonio mobiliare o immobiliare superiore ai 10 milioni di euro, anche per interposta persona. Se fosse esistita una legge simile, Berlusconi non sarebbe mai stato presidente del consiglio. “Il conflitto di interessi – dice oggi – non solo è ridicolo ma anche incostituzionale, perché la Carta prevede parità di diritti e doveri di tutti i cittadini, decidere dal censo se uno possa fare politica è contro la nostra costituzione. Non sono preoccupato di queste proposte di legge, hanno paura di me e vogliono eliminarmi ma la Corte Costituzionale la boccerà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook chiude 23 pagine di fake news. Questa è la morte della democrazia

prev
Articolo Successivo

Europee, perché la Rai ostracizza Europa Verde? A noi il bavaglio non lo mette nessuno!

next