Che fuori tempo che fa, l’appuntamento con Fabio Fazio del lunedì sera, chiuderà lunedì 13 maggio con tre settimane di anticipo. L’annuncio è stato dato dallo stesso conduttore in apertura della puntata di Che tempo che fa di domenica sera.

“Un avviso al nostro pubblico – ha detto il presentatore senza usare toni polemici – Domani sarà l’ultima puntata del lunedì sera, ci è stato comunicato che le ultime tre non andranno in onda”. Fazio ha ringraziato il pubblico e ricordato i risultati di ascolto di Che fuori tempo che fa: 13% di share e un milione e mezzo di spettatori di media.

Al posto di Che fuori che tempo che fa, il 20 maggio andrà in onda Porta a Porta per ragioni legate alla par condicio. Il 27 maggio, invece, la Rai ha in programma un appuntamento con l’analisi del voto alle Europee. Fazio è da mesi nel mirino della Lega. Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva ribadito di nuovo di non accettare l’invito del conduttore a Che tempo che fa: “Ci andrò quando si sarà tagliato lo stipendio”, aveva detto. 

“Mi dispiace – la replica di Fazio in diretta – perché al di là della sua opinione su di me, che non mi permetto in questa sede di discutere, sarebbe stato invece interessante consentire al pubblico di Che tempo che fa di poter ascoltare le sue opinioni circa i temi dell’Europa, i recenti fatti tragici di Napoli, e naturalmente tutta l’attualità politica. Naturalmente la sua posizione è legittima, confido che ci sia un’occasione nella prossima stagione”.

Domenica, in un’intervista a Il Messaggero nella quale attaccava l’a.d. Fabrizio Salini, il consigliere di amministrazione Igor De Biasio, vicino al Carroccio, ha definito Fazio “un’opportunità, ma a due condizioni. La prima: uno stipendio accettabile agli occhi degli italiani che lo pagano. La seconda: che vada su un’altra rete”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, il consigliere in quota Lega: “Salini cambi gestione o a casa. Bastano 10mila dipendenti”. Laganà: “Frasi pericolose”

prev
Articolo Successivo

Fabio Fazio, Salini ‘irritato’ scrive a direttrice Rai1. Zingaretti: ‘Su Fazio è censura’. Salvini: ‘Per me in onda sempre’

next