È stata confermata stamattina l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per Armando Del Re, l’uomo di 28 anni accusato di aver aperto il fuoco in piazza Nazionale lo scorso 3 maggio, nel tentativo di uccidere Salvatore Nurcaro. Nella sparatoria erano rimaste ferite la piccola Noemi, di 4 anni, le cui condizioni stanno migliorando, e sua nonna di 51 anni. La custodia in carcere è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari Alessandro Buccino Grimaldi, del Tribunale di Siena.

Sempre questa mattina è stata fissata l’udienza di convalida del fermo per Antonio Del Re, fratello di Armando, accusato di avere aiutato il fratello nella sparatoria. Proseguono, per adesso, le indagini per stabilire con precisione il movente dell’agguato. Dalle prime ricostruzioni, i due avrebbero precedenti di reati legati allo spaccio di droga. Secondo il pubblico ministero, inoltre, l’agguato sarebbe avvenuto in pieno contesto camorristico. Per gli arresti, sono state decisive alcune intercettazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Montante, giudice manda verbali in procura: “Ora si indaghi sui servizi”

next