“Le proteste di Casal Bruciato? La sindaca Virginia Raggi doveva cercare di stemperare, non fare un braccio di ferro”. Così la senatrice Lucia Borgonzoni (Lega) ai microfoni di Andrea Scanzi e Luca Sommi nella puntata diAccordi&Disaccordi’, in onda il venerdì alle 22:45 sul canale Nove, nel condannare la visita del primo cittadino della Capitale a Casal Bruciato (periferia di Roma) mentre erano in corso gli scontri per l’assegnazione di una casa popolare a una famiglia rom. Il sottosegretario ai Beni Culturali sul militante di CasaPound che ha minacciato di stupro la donna di origine bosniaca, madre di quattro bambini, regolare assegnataria della casa, afferma: “Quello dovrebbe stare in galera, dovrebbe starci a vita, chiuso a doppia mandata a vita, che sia lui o chiunque altro”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 149 0 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), ospiti Giulio Tremonti e Lucia Borgonzoni venerdì 10 maggio alle 22.45

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Tremonti: “Non appartengo all’élite europea di quei ‘pirla’ di oggi”

next