Da camerieri e cuochi a saldatori e gruisti, da guardie giurate e centralinisti a giardinieri, autisti e magazzinieri: sono alcuni dei 2,9 milioni i lavoratori che sono inquadrati nei livelli più bassi dei contratti nazionali e che, avendo paghe orarie lorde inferiori a 9 euro potrebbero beneficiare dell’aumento previsto dal ddl sul salario minimo, ora all’esame della commissione Lavoro del Senato e che, secondo il vicepremier Luigi Di Maio, dovrebbe diventare legge entro la fine dell’estate.

Stando alle stime presentate dall’Istat in audizione, l’innalzamento dalla paga oraria lorda minima a 9 euro coinvolgerebbe quasi 3 milioni di lavoratori, ovvero circa il 21% dei dipendenti che potrebbero così beneficiare di un aumento medio di 1.073 euro annui. L’Ansa, elaborando sulla base delle ultime rilevazioni dell’istituto di statistica e dell’Inps i livelli retributivi dei principali contratti, ha fornito l’elenco delle qualifiche professionali che attualmente hanno minimi contrattuali orari inferiori appunto ai 9 euro lordi, la soglia indicata ad oggi nel provvedimento per un’equa retribuzione.

In pratica in quasi tutti i principali contratti (ad esclusione di quello del credito) ci sono livelli contrattuali con retribuzioni orarie inferiori a 9 euro. Anche se si dovessero escludere dall’applicazione dei nuovi minimi il contratto per il lavoro domestico e quello dei lavoratori agricoli ci sarebbero comunque molti lavoratori (e tante aziende) interessati alla modifica. Per i pubblici esercizi hanno livelli minimi di retribuzione inferiori a 9 euro l’ora i cuochi “capo partita”, i camerieri di ristorante, i barman, pizzaioli e gelatieri (sono al quarto livello con 8,77 euro) ma soprattutto personale di pulizia e fatica addetto alla sala o alla cucina (settimo livello, 7,28 euro) o le guardie giurate (quinto livello, 8,21 euro).

Nel contratto dei metalmeccanici con Federmeccanica sono al di sotto dei 9 euro i dipendenti inquadrati al primo e secondo livello (tra questi ultimi anche saldatori e gruisti con i minimi a 8,36 euro) mentre nel contratto del commercio sono al di sotto del limite i dipendenti iscritti al quinto, sesto e settimo livello quindi dagli archivisti protocollisti, agli addetti al controllo delle vendite e ai magazzinieri (8,99 euro) fino alle persone che si occupano di pulizie (7,64).

Per il contratto del turismo con Federalberghi hanno retribuzioni minime orarie inferiori a 9 euro le persone dal quarto al settimo livello. In pratica cuochi, barman e capo giardinieri incardinati al quarto livello e dipendenti di grandi e medi alberghi e villaggi turistici possono avere minimi a 8,97 euro mentre centralinisti, autisti e cameriere ai piani degli alberghi hanno minimi a 8,41 euro. All’ultimo livello è il personale di fatica con 7,48 euro di minimo orario. Per il lavoro domestico (accordo firmato al ministero del Lavoro il 16 gennaio 2019) i minimi sono per tutti i livelli inferiori a 9 euro con un minimo per le colf con meno di 12 anni di esperienza non conviventi a 4,62 euro l’ora.

Tuttavia, una delle novità emerse dal tavolo tecnico convocato lunedì al ministero del Lavoro a Roma tra governo e sindacati è stata proprio l’esclusione del lavoro domestico dall’applicazione del salario minimo. L’annuncio più sostanziale ha riguardato invece la rassicurazione per cui il provvedimento valorizzerà il riferimento alla contrattazione collettiva estendendo a tutti i minimi tabellari del contratto del settore nel quale si lavora. Minimi tabellari che appunto non dovranno essere inferiori ai 9 euro lordi l’ora.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider, la proposta: “Lavoratori riuniti in cooperative per aumentare diritti e tutele, come in Belgio e Francia”

next
Articolo Successivo

Libere professioni, che fine ha fatto la deontologia?

next