Una vendetta per la strage di musulmani in Nuova Zelanda. Ma è stato sventato un presunto piano terroristico contro più obiettivi nell’area di Los Angeles, compreso uno a Long Beach. Gli agenti dell’Fbi hanno arrestato un soldato impiegato in Afghanistan, che si sarebbe convertito all’Islam. L’arresto arriva meno di 48 ore dopo l’attacco di un suprematista bianco ad una sinagoga a San Diego.

Secondo gli inquirenti Mark Domingo è stato arrestato perché voleva mettere una bomba ad un raduno nazi a Long Beach (previsto domenica scorsa ma poi annullato) e aveva discusso con un informatore altri attacchi contro ebrei, chiese e poliziotti. Domingo, che i media statunitensi definiscono veterano della guerra in Afghanista, è stato arrestato per aver fornito supporto materiale a terroristi. È accusato di aver pianificato sin da marzo di “produrre e usare armi di distruzione di massa per commettere stragi”. Si sarebbe procurato chiodi per un esplosivo artigianale da far esplodere a distanza anche se di fatto conteneva solo materiale inerte. Tra gli obiettivi, dopo il raduno nazi, c’erano i porti di Long Beach e Los Angeles e un treno.

L’ex militare “ha espresso sostegno alla jihad” e “un desiderio di vendicare gli attacchi contro i musulmani” come in Nuova Zelanda. Inoltre, ambiva a “diventare un martire”scrive su Twitter James Queally, cronista del Los Angeles Times, facendo il punto sull’inchiesta che ha sventato un complotto terroristico nell’area di Los Angeles. L’ex militare, 26 anni, è stato arrestato venerdì sera quando è caduto nella trappola tesa dagli investigatori che erano sulle sue tracce. L’uomo era convinto di entrare in possesso di un ordigno. All’appuntamento pensava di incontrare il produttore della bomba, in realtà ha trovato un agente sotto copertura.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, politiche di welfare e niente larghe intese: il “segreto” di Sànchez che la sinistra Ue ha abbandonato. Perdendo

next
Articolo Successivo

Giappone, l’imperatore Akihito lascia il trono: è la prima abdicazione in 200 anni. “Mi considero molto fortunato”

next