“La crisi economica in Italia? Siamo un Paese che non fa riforme strutturali. Certamente non risolvono i nostri problemi strutturali quota 100 e il reddito di cittadinanza, che, anzi, vanno a caricare ulteriormente il nostro debito pubblico“. A dirlo, nel corso di Omnibus (La7), è il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, alle elezioni europee capolista al nord est per Italia in Comune e +Europa.

Riguardo all’insofferenza crescente degli italiani nei confronti dell’Europa, l’ex M5s sottolinea: “C’è anche una base di propaganda. Da anni sia il M5s, sia la Lega ci dicono: ‘Torniamo alla lira, così la pizza costerà di meno’. E c’è gente che ci crede anche e che dice: ‘Quindi, io avrei molti più soldi se dall’euro passassimo alla lira’. Non capiscono che il mondo è andato da un’altra parte ed è andato avanti. Tutto questo ovviamente fa presa anche su chi crede che il reddito di cittadinanza possa davvero risolvere i problemi del nostro Paese“.

Pizzarotti conclude: “Serve tornare a parlare di Europa anche in modo complesso. Mi si chiede sempre se dobbiamo essere convinti europeisti, anche in un momento in cui l’Europa non va per la maggiore. La mia risposta è: assolutamente sì. Non è che si deve andare verso quello che vorrebbe la pancia delle persone, come fa Salvini. Ma si deve cercare di puntare alla testa e spiegare che, se vogliamo un’Italia più forte, serve avere un’Europa più forte, altrimenti non andiamo da nessuna parte”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gino Strada: “Salvini? Ha l’elemento più caratteristico del fascismo, cioè il razzismo. Sinistra? Non ha nulla da dire”

next
Articolo Successivo

Europee, Donato (Lega) vs Gruber: “Democrazia non si fa con le nomine”. “Allora dovete cacciare il premier Conte”

next