Era a terra nel soggiorno della casa dove abitava, con ferite da accoltellamento e quella che potrebbe essere l’arma del delitto accanto al corpo. Lucia Benedetto, di 50 anni, residente insieme al marito e al figlio in un appartamento al civico 60 di via Sicilia, a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, è stata ritrovata senza vita nella serata di martedì. A lanciare l’allarme è stato il marito che, appena tornato a casa dal lavoro, poco prima delle 19.00, ha visto il corpo della moglie ormai senza vita a terra con ferite in tutto il corpo e una, più profonda, sul collo.

La vittima, che risulta incensurata e che mai avrebbe sofferto di depressione, viveva nell’appartamento anche con il figlio 21enne che però non era in casa e le autorità stanno cercando di rintracciare. Sul posto sono intervenuti per primi i carabinieri del Nucleo Radiomobile e poi i colleghi di Sesto San Giovanni, sul posto insieme ai Ris e al medico legale. La Procura di Monza, titolare dell’indagine, non si è ancora pronunciata sull’ipotesi dell’omicidio. Impossibile escludere, al momento, la possibilità che le coltellate siano state inferte dalla stessa donna con la lama sequestrata. Al vaglio degli inquirenti le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona e il traffico telefonico della donna così come quello dei suoi familiari. In caso di omicidio, le indagini si indirizzerebbero verso qualcuno che ha libero accesso alla casa o che era conosciuto dalla vittima, visto che non sembrano esserci segni di effrazione. Più tardi sarà ascoltato il marito della 50enne, ancora sotto choc. Una famiglia normale, senza mai un problema, dicono gli investigatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, si sono dimessi i commissari straordinari. Di Maio: “Inizia la Fase 2 per Taranto”. Nominati i sostituti

prev
Articolo Successivo

Ente nazionale cinofilia tra veleni, irregolarità e sospetti: due interrogazioni parlamentari alla vigilia dell’assemblea

next