Un turista di nazionalità francese è morto al largo di Porto Corallo, in provincia di Cagliari, dopo che la barca a vela su cui si trovava è stata ribaltata dal forte vento di scirocco: salva la donna che si trovava con lui e il loro cane. Il corpo dell’uomo è stato trovato solo più tardi incagliato tra gli scogli: vittima del maltempo che ha colpito la Sardegna nel giorno di Pasquetta. Come da previsioni, il cielo nero, la pioggia e appunto il forte vento hanno caratterizzato la mattinata non solo nell’isola ma in tutto il Centro-sud. Nel pomeriggio il maltempo ha poi raggiunto anche il Nord, a cominciare dall’Emilia Romagna, poi Liguria, Piemonte, Lombardia e Veneto. Dopo la mezzanotte di lunedì a Venezia si prevede un possibile picco di acqua alta di 105 centimetri. E le previsioni parlano di tempo instabile almeno fino al 25 aprile soprattutto al Nord, mentre al Centro-sud tornerà il sole.

Intanto in Sardegna, tre surfisti in tre località diverse hanno rischiato di morire a causa della bufera di scirocco che spazza l’isola da quasi 48 ore, con raffiche fino a cento chilometri orari. Il Poetto di Cagliari si è completamento allagato: tutti i chioschi e gli stabilimenti balneari lungo la costa del capoluogo e di Quartu sono finiti sott’acqua, alcuni sono stati anche danneggiati.

A Palermo lo scirocco ha tirato talmente forte da sradicare alberi e da far staccare tettoie che sono finite in strada e sulle auto. I cimiteri della città sono stati chiusi in anticipo. La circolazione ferroviaria è stata sospesa in più punti a causa del maltempo e per diverse ore sulla linea Messina-Palermo mentre i collegamenti con Ustica, sempre a causa del vento, sono stati interrotti. Chiusa anche la riserva dello Zingaro.

Ancora in Sicilia, sono fermi i collegamenti con le isole Eolie dopo che lo scirocco ha raggiunto i 60 chilometri all’ora e il mare, molto mosso, ha toccato forza sette. Molti turisti quando i collegamenti erano ancora operativi hanno anticipato il loro rientro da Lipari. Le violente mareggiate hanno causato nuovi danni alle strutture portuali. Alcune famiglie sono state evacuate per motivi di sicurezza da un palazzo a Castelvetrano (Trapani) dopo che si è registrato il distacco di una parte di una delle pareti laterali. Vento forte anche a Ragusa, tanto che un volo proveniente da Francoforte e diretto a Comiso è stato dirottato a Catania.

In Campania, sono state soppresse tutte le corse degli aliscafi tra Napoli e Ischia, mentre sono a singhiozzo tutti i collegamenti marittimi a Capri. Pioggia battente nel pomeriggio in Piemonte, con un netto calo delle temperature massime che proseguirà anche nei prossimi giorni. Anche in Liguria, dove è stata diramata l’allerta gialla, da domani sono previste precipitazioni e temporali localmente forti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, incendiata la statua dedicata alla partigiana Giulia Lombardi: annunciata “mobilitazione contro rigurgito fascista”

prev
Articolo Successivo

Sesto Fiorentino, bambino è affetto da ‘favismo’: sindaco vieta la coltivazione delle fave nell’area intorno alla sua casa

next