Sono 321 i pazienti curati al centro post-operatorio di Medici Senza Frontiere a Mosul Est, in Iraq, nel suo primo anno di attività. E di questi 52 sono bambini. Molti di loro sono stati gravemente feriti durante il conflitto e hanno lesioni complesse che richiedono ripetuti interventi e lunghi percorsi di guarigione. Il piccolo Anas, 12 anni, la cui storia è raccontata nel video diffuso dall’organizzazione, è stato uno dei primi pazienti dell’ospedale. Dopo quasi un anno di ricovero è stato finalmente dimesso.

In un sistema sanitario devastato dalla guerra, la struttura è per molti pazienti l’unica possibilità di accedere a cure specialistiche gratuite. I violenti combattimenti scoppiati nel 2016-2017 hanno duramente colpito la popolazione della città. Oggi, dopo quasi due anni dalla battaglia di Mosul, le conseguenze del conflitto sono ancora evidenti, molti quartieri giacciono tra le macerie e migliaia di persone faticano ad accedere ai servizi di base.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Sri Lanka, il momento dell’esplosione nella chiesa di Sant’Antonio. Il video ripreso da un’auto

next