Sono 321 i pazienti curati al centro post-operatorio di Medici Senza Frontiere a Mosul Est, in Iraq, nel suo primo anno di attività. E di questi 52 sono bambini. Molti di loro sono stati gravemente feriti durante il conflitto e hanno lesioni complesse che richiedono ripetuti interventi e lunghi percorsi di guarigione. Il piccolo Anas, 12 anni, la cui storia è raccontata nel video diffuso dall’organizzazione, è stato uno dei primi pazienti dell’ospedale. Dopo quasi un anno di ricovero è stato finalmente dimesso.

In un sistema sanitario devastato dalla guerra, la struttura è per molti pazienti l’unica possibilità di accedere a cure specialistiche gratuite. I violenti combattimenti scoppiati nel 2016-2017 hanno duramente colpito la popolazione della città. Oggi, dopo quasi due anni dalla battaglia di Mosul, le conseguenze del conflitto sono ancora evidenti, molti quartieri giacciono tra le macerie e migliaia di persone faticano ad accedere ai servizi di base.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Sri Lanka, il momento dell’esplosione nella chiesa di Sant’Antonio. Il video ripreso da un’auto

prev
Articolo Successivo

Sri Lanka, la più sanguinosa delle ultime stragi che hanno colpito i cristiani durante le festività religiose

next