Marco Valentino è un cittadino italiano, vive a Monza, ha 52 anni, ed è un “estremista islamico” secondo la procura di Monza. Oggi si fa chiamare Muhammad Nur Al Haqq. Indagato e archiviato due volte per terrorismo internazionale, il pubblico ministero Enrico Pavone ha chiesto che venga messo sotto sorveglianza speciale per tre anni. Se la domanda sarà accolta, Valentino verrà sottoposto all’obbligo di soggiorno a Monza e non potrà utilizzare computer, cellulari o qualsiasi dispositivo collegabile a internet.

L’udienza per confermare o meno la misura preventiva, presieduta dal giudice Fabio Roia, è fissata per il 9 maggio. Per ora, gli sono stati sequestrati tredici dispositivi informatici trovati a casa sua lo scorso ottobre. All’interno, secondo la procura, ci sarebbero le prove della sua radicalizzazione: foto e video celebrativi dell’Isis, documenti che inneggiano a combattere la guerra santa, la Jihad, con le armi, e diversi testi di propaganda al Califfato pubblicati dallo Stato Islamico. Ed anche molte foto di martiri caduti in combattimento e immortalati con il sorriso sulle labbra.

Valentino si era convertito all’Islam diversi anni fa ed oggi convive con una donna marocchina. Il radicalismo sarebbe arrivato nel corso del tempo. Nonostante i due procedimenti per terrorismo internazionale mossi dalle Procure di Milano e Cagliari siano stati archiviati, gli inquirenti sono convinti che sia socialmente pericoloso. Il modo in cui si muove su internet, afferma il pm, “riflette comportamenti ispirati all’estremismo radicale”.

L’uomo, che in rete si fa chiamare anche Abu Omar, ha aperto una pagina Facebook la cui immagine di copertina riporta una scultura con il motto della guerra santa islamica. Sul web avrebbe pubblicato numerosi post di chiaro stampo anti-occidentale. Tutti segni che dimostrano, secondo la Procura, la sua adesione alle posizioni più intransigenti e criminali dell’estremismo jihadista. Il pericolo è che possa mettere in pericolo la sicurezza pubblica o anche a favorire altri presunti terroristi. Da qui la richiesta della misura di prevenzione. Tra gli “amici” della pagina Facebook di Valentino, c’era anche Ajsha Barbara Farina, moglie del noto ex imam di Carmagnola Fall Mamour, espulso dall’Italia nel 2002, oltre a Mehdi Halili, indagato in un’inchiesta anti-terrorismo della Procura di Torino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, insulti e schiaffi ai bambini dell’asilo: sospese due maestre. Decisivi anche i disegni per il provvedimento

prev
Articolo Successivo

In banca non esistono bene o male. Esiste solo ciò che porta profitto

next