Sparco, uno dei brand più conosciuti dagli appassionati di corse automobilistiche, ha da circa 3 anni affiancato alle sue attività principali – componenti ed accessori per veicoli sportivi e piloti – anche la produzione di accessori per il mondo del gaming  con particolare attenzione al settore del SimRacing, le corse virtuali, più vicino al proprio core business.

Lo scorso weekend, all’Autodromo di Monza, Niccolò Bellazzini, Brand Manager dell’azienda piemontese, ci ha presentato due pacchetti pensati per i piloti virtuali più demandanti, che non si accontentanto della semplice coppia volante e pedaliera montati alla scrivania. Lo Sparco SIM RIG I è un pacchetto per chi ha già PC e Monitor, ed è composto dal telaio/cockpit Sparco Evolve, dal sedile Pro 2000 II in fibra e dalla coppia volante/pedaliera TS-XW Racer di Thrustmaster (il volante è una riproduzione dello Sparco P310 per auto da corsa), che sul mercato arriva con un prezzo di circa 1230€.

Il SIM RIG II invece è un pacchetto completo, che permette agli acquirenti di avere già tutto ciò che serve per immergersi nelle corse virtuali, includendo oltre a quanto già presente nel RIG I un monitor curvo widescreen di Samsung da 49″, il supporto per collegare lo schermo al telaio, un PC da gaming preparato da AK Informatica sulla base dell’Infinite X di MSI (CPU Intel i7 di nona generazione e GPU NVIDIA RTX2070), una tastiera Logitech k400 (wireless con touchpad) e la Ultimate Edition di Assetto Corsa, il titolo simulativo dell’italiana Kunos. Per il pacchetto completo però il prezzo, visto quanto incluso, sale e non di poco avvicinandosi ai 5000€.

L’impegno di Sparco nel gaming non si ferma però a sedute ed altri accessori, vedendo l’azienda impegnata nei principali eventi esport legati al mondo delle corse virtuali, oltre a supportare gli impegni in pista di 3 piloti provenienti dalle gare virtuali – Alvise Ciotti, 29enne youtuber noto come Blink46, Amos Laurito, 23enne proveniente dalla Formula 1 Esports Series, ed Enzo Bonito, uno dei più talentuosi sim racers italiani – con l’AK Sparco Racing Team.

Video di Paolo Tani
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Installare Windows è semplice, basta avere una chiavetta USB e seguire queste istruzioni

prev
Articolo Successivo

Il robot-cane SpotMini sta per arrivare in commercio. Riesce persino a trainare un camion

next