Si chiama “Cara Premier ti scrivo” il nuovo libro di Daria Colombo, sette racconti che si leggono come un unico romanzo. Momenti di vita diversi eppure ambientati e vissuti nella stessa giornata: dal ragazzo del sud in cerca di lavoro alla donna delusa che cerca di rifarsi una vita in nome di un futuro più sostenibile, passando per un anziano signore e un giovane omosessuale in lotta per la propria identità. Durante la presentazione, alla quale ha partecipato anche il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’autrice ha detto di aver scritto la sua opera muovendosi fra i sentimenti e la politica.“Volevo fare una fotografia del nostro Paese. Siamo una nazione in difficoltà, la lotta agli stereotipi e una visione paritaria fra uomo e donna indica la strada per risolvere i problemi. La battaglia per la parità di genere è culturale, dobbiamo combatterla insieme, uomini e donne”

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La storia della bimba Down che aspetta il sostegno, un calvario lungo 10 anni

next
Articolo Successivo

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

next