Si chiama “Cara Premier ti scrivo” il nuovo libro di Daria Colombo, sette racconti che si leggono come un unico romanzo. Momenti di vita diversi eppure ambientati e vissuti nella stessa giornata: dal ragazzo del sud in cerca di lavoro alla donna delusa che cerca di rifarsi una vita in nome di un futuro più sostenibile, passando per un anziano signore e un giovane omosessuale in lotta per la propria identità. Durante la presentazione, alla quale ha partecipato anche il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’autrice ha detto di aver scritto la sua opera muovendosi fra i sentimenti e la politica.“Volevo fare una fotografia del nostro Paese. Siamo una nazione in difficoltà, la lotta agli stereotipi e una visione paritaria fra uomo e donna indica la strada per risolvere i problemi. La battaglia per la parità di genere è culturale, dobbiamo combatterla insieme, uomini e donne”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La storia della bimba Down che aspetta il sostegno, un calvario lungo 10 anni

prev
Articolo Successivo

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

next