Stufi dei soliti sport di squadra? Provate Speedgate, il primo sport generato da una Intelligenza Artificiale. L’idea è stata dell’agenzia internazionale AKQA, che insieme a Nvidia ha creato una rete neurale ricorrente e una rete neurale convoluzionale che hanno analizzato oltre 400 sport e ne hanno creato uno nuovo e originale. Speedgate è un mix di rugby, calcio, hockey, freesbee e croquet, e consiste in un gioco di squadra divertente e veloce.

Alle spalle dell’Intelligenza Artificiale ci sono i processori grafici Nvidia Tesla, la cui potenza è stata necessaria sia per allenare le reti neurali sia per generare gli oltre 1.000 output e le regole di gioco. Anche i loghi delle squadre sono originali, generati dopo avere addestrato la rete neurale su 10.400 loghi esistenti.

Se l’idea vi incuriosisce, a questo sito trovate le regole del gioco e le istruzioni utili per iniziare il campionato. Non c’è nulla di complicato, perché i giocatori si dividono in due squadre da sei persone (tre difensori e altrettanti attaccanti) ciascuna e devono cercare di calciare o passare la palla attraverso i due pali (Gate) presenti alle due estremità del campo. Un’idea che ricorda un po’ il rugby. Durante il gioco (tre tempi da 7 minuti ciascuno) la palla non si deve mai fermare per più di tre secondi, ed è vietato attraversare un cerchio disegnato in mezzo al campo, pena l’assegnazione di un fallo. I giocatori possono passare la palla avanti e indietro, con passaggi che partono da sotto alla vita, e oltre alle mani si possono usare anche i piedi.

L’idea è molto interessante in quanto esperimento per saggiare le capacità delle Intelligenze Artificiali di sviluppare un prodotto creativo. Non ci si aspetta che Speedgate diventi un altro sport ufficiale alle Olimpiadi. Però è una dimostrazione di come un gioco fisico e collaborativo come uno sport di squadra possa essere interpretato e creato da un computer.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook, Instagram e Whatsapp down: i tweet più divertenti. E tornano gli sms

prev
Articolo Successivo

Cuffie sportive con personal trainer integrato, per i runner che vogliono migliorare la propria tecnica

next