Un ergastolano, Cosimo Damiano Carbone, di 63 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco mentre era in auto vicino a casa a Trinitapoli, in provincia di Barletta Andria e Trani. Carbone era ritenuto dagli inquirenti al vertice della mafia di Trinitapoli. Era stato condannato all’ergastolo, ma beneficiava periodicamente della detenzione domiciliare per problemi di salute.

La vittima era stata condannata all’ergastolo per l’omicidio di Savino Saracino, compiuto proprio a Trinitapoli il 30 settembre 2004. Carbone fu fermato dai carabinieri due giorni dopo l’uccisione di Saracino, che aveva 35 anni, e il tentativo di omicidio di Michele Miccoli, 32 anni, entrambi pregiudicati. L’agguato – secondo le indagini – maturò nell’ambito di contrasti tra gruppi malavitosi rivali. Anche il fratello più grande di Carbone, Antonio, di 70 anni, fu ucciso il 27 maggio del 2014 con tre colpi di fucile calibro 12 nel centro di Trinitapoli mentre era a bordo della sua auto. Quello di oggi è il secondo omicidio compiuto a Trinitapoli dall’inizio dell’anno: il primo era avvenuto il 20 gennaio scorso quando venne ucciso un altro pregiudicato, Pietro De Rosa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, piove nella sala dei Rubens alla pinacoteca di Brera. Denuncia della Cisl: “Serve più manutenzione”

prev
Articolo Successivo

Napoli, l’appello della preside a Fico dopo l’omicidio davanti a scuola: “Qui malavita fa da padrona, serve presidio”

next