“Il tema è semplice – Luigi Di Maio, a Torino per incontrare Chiara Appendino, parla del caso libico -. Noi già abbiamo pagato lo scotto di azioni singole in Libia nel 2011, quando l’Europa non è stata compatta, la Libia è stata destabilizzata, l’Italia ha pagato per anni lo scotto più grande di decisioni autonome e singole di Stati che hanno interferito con le azioni che si stavano portando avanti. Mi auguro non ci siano altre influenze europee nello scenario libico. Non serve che un ministro sondi gli altri paesi europei per capire cosa fare. Sono i nostri ministri che hanno le competenze e le prerogative per decidere. Lavoriamo in maniera compatto affinché il tema non entri nella campagna elettorale” ha spiegato il ministro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FQ Millennium, dal 13 aprile il nuovo numero in edicola. Peter Gomez: “La borghesia è morta ma non se ne è accorta”

prev
Articolo Successivo

Il ministro Toninelli sul Nove: “Ho una mentalità altruistica. Un giorno, chissà, penserò un po’ più ai cazzi miei”

next