“Il mio lavoro è stato lanciare un sasso nello stagno per smuovere le acque, facendo gracidare qualche rana, ma riuscendo a distillare un sapere comune”. Con queste parole, il senatore leghista Simone Pillon, ospite di un convegno sul tema del diritto di famiglia nell’aula magna dell’Università di Pavia, ha bollato alcune delle critiche ritenute “irrazionali” al ddl che porta il suo nome. Fuori dall’aula magna, oltre duecento attiviste e attivisti della rete femminista Non Una di Meno hanno espresso con cori e striscioni il dissenso nei confronti delle politiche sulla famiglia proposte dal leghista: “Il ddl va ritirata subito perché è come un lupo travestito da agnello, finge di voler difendere i bambini, ma vengono usati come pacchi per vendetta contro le donne” dichiara Assunta che veste un papillon rosa che ricalca quello del senatore leghista. Ma le critiche sono arrivate anche dagli altri relatori del convegno tra i quali la Presidente della Corte d’Appello di Trento: “Pillon dice di voler intervenire sul diritto di famiglia in punta di piedi, ma in realtà a me pare che sia entrato con degli scarponi da montagna”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, senza rimpatri aumentano gli irregolari. Ma forse era questo il vero obiettivo

prev
Articolo Successivo

Caro Salvini, così sta negando l’identità ai bambini arcobaleno. Dove vuole arrivare?

next