“Non abbiamo né attrezzature né mezzi. Le motovedette in dotazione sono ferrivecchi mangiati dalla ruggine. Ogni volta che ci saliamo a bordo abbiamo paura che affondino”. Queste sono alcune delle informazioni che hanno rivelato due membri della Guardia Costiera Libica ai giornalisti di Piazzapulita (La7) Nello Trocchia e Adib Fateh Ali che li hanno incontrati a La Spezia dove i militari fanno dei corsi di formazione.

Gli agenti aggiungono: “L’Italia ci ha appena fatto avere tre motovedette ma noi abbiamo 2200 chilometri di costa. Per coprirla tutta ce ne vorrebbero almeno un centinaio. Con tre cosa vuoi farci?”

Il racconto che fanno della loro esperienza è drammatico: “I morti sono tanti. Tanti davvero. Quando il mare è molto mosso sulla spiaggia al mattino si trovano cadaveri a 7 o 8 per volta. Uomini, donne, bambini. Un corpo vicino all’altro. Corpi irriconoscibili putrefatti dai giorni passati in acqua”.

Giovedì sera a Piazzapulita, 21.15 – La7, andrà in onda la versione integrale di questo documento esclusivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, lite Barisoni (Radio24) – Travaglio. “Hai sempre la verità rivelata”. “Sei nervoso, è difficile difendere Confindustria”

next
Articolo Successivo

Gomez: ‘Salvini non è fascista, semmai è come Berlusconi. La Libia può fargli perdere elezioni’. Botta e risposta con Giannini

next