Un mercato in salute e in ripresa nelle grandi città, ma in sofferenza nei piccoli centri. E poi Milano, dove i prezzi continuano a crescere a ritmi vertiginosi. È la fotografia del settore delle locazioni in Italia, scattata dall’Osservatorio annuale sugli affitti residenziali di Immobiliare.it e Mioaffitto.it.

A sorridere di più sono i proprietari di case da affittare a Milano: nell’ultimo anno la domanda è aumentata del 7% e i prezzi sono saliti del 9%. L’offerta, però, è in calo e fatica a star dietro alla domanda (-5% in un anno): la conseguenza è che per un monolocale di 40 metri quadri si arrivano a spendere 750 euro al mese di media (18,72 euro al mq).

Negli altri grandi capoluoghi di regione (Roma, Firenze, Venezia, Bologna, Napoli, Genova, Torino, Bari e Palermo) il trend è positivo, ma con valori ben diversi rispetto a quelli di Milano: in un anno i prezzi sono cresciuti del 3% e la domanda è salita del 2%. È cresciuta in questo caso anche l’offerta (+3% da marzo 2018): un monolocale costa in media poco più di 520 euro al metro quadro, con picchi che a Firenze superano i 600 euro.

Il mercato soffre, invece, nell’Italia dei piccoli centri e in provincia. Le poche opportunità di lavoro e il conseguente spopolamento portano all’assenza di domanda, scesa del 4% nel giro di un anno. I prezzi sono scesi del 6% rispetto al 2018 e si è ridotta anche l’offerta (-3%). Per una locazione si spendono circa 6 euro al metro quadro, un terzo di quanto si spende a Milano.

«La frammentazione dell’economia del nostro Paese emerge fortemente dal nostro Osservatorio sulle locazioni – dichiara Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it – Milano rispecchia sempre più fedelmente la mentalità europea, in cui l’affitto viene vissuto come una scelta di vita consapevole e non come alternativa economica all’acquisto. Questo pensiero si fa strada anche negli altri grandi capoluoghi, complici economie che lentamente mostrano segni di ripresa».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arredamento: i consigli per portare la primavera in casa

next
Articolo Successivo

Mutuo prima casa: come ottenere le detrazioni fiscali?

next