Nella giornata di domenica 7 aprile al Teatro Ciak di Milano si è tenuto l’atto conclusivo dei PG Nationals Vigorsol Beats, il campionato italiano di League of Legends parte del circuito ERL di Riot, che ha visto emergere vittoriosi i Campus Party Sparks contro i Samsung Morning Stars.

L’incontro, giocato al meglio delle 5 partite, ha visto inizialmente i Morning Stars vincere in modo convincente i primi due round portandosi sul match point, dando l’impressione che la partita per il trofeo fosse ormai chiusa. Gli Sparks dal canto loro sono usciti dagli spogliatoi per il terzo match con maggiore convinzione, travolgendo il team di Samsung nelle 3 partite successive, mettendo così in bacheca il titolo di campioni dei “PGNats” e guadagnando l’accesso agli EU Masters, torneo europeo che vedrà sfidarsi nelle prossime settimane i vincitori delle varie leghe nazionali europee.

Per il torneo organizzato da PG Esports è la prima volta che la squadra vincitrice della prima fase – un girone all’italiana dove partecipano 8 squadre – riesce ad ottenere anche la vittoria finale, nelle precedenti due occasioni la seconda classificata della prima fase era riuscita ad imporsi nella vittoria finale.

 

Video di Paolo Tani

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Assistente Google dà risposte più complete, provare per credere

prev
Articolo Successivo

Meizu X8, uno smartphone di fascia media dalle buone prestazioni, per chi non tiene troppo alle foto

next