L’Assistente di Google diventa sempre più utile, o meglio, fornisce più informazioni che in passato.  La novità è stata annunciata tramite il blog ufficiale, e riguarda la versione per smartphone Android. Quello che accade è molto semplice: quando si pongono delle domande a Google Assistant, lo schermo si riempie letteralmente di informazioni.

Un esempio vale più di mille parole: se avviate una ricerca con le chiavi “gatto carino” vi escono foto di pelosi felini, i link alle razze più ricercate per bellezza e altro. Nel caso delle aziende quotate in borsa viene visualizzato anche il grafico dell’andamento azionario, per eventi e spettacoli c’è una sorta di calendario visuale con gli appuntamenti. In generale, qualsiasi sia il quesito, le risposte sono sempre almeno tre, invece dell’unica proposta in precedenza. L’obiettivo dichiarato è di “fornire risposte visive migliori e informazioni più complete a colpo d’occhio” grazie a Visual Response, uno strumento in test dallo scorso autunno e ritenuto maturo per esordire.

Arrivano inoltre a disposizione degli utenti strumenti aggiuntivi come il metronomo (per tenere il tempo mentre si suona o si canta), la calcolatrice finanziaria, la livella virtuale (per appendere quadri sempre dritti) e il color picker, uno spazio colore per selezionare i colori con alta precisione: basta puntare il cursore sulla tonalità desiderata e copiare il codice corrispondente in qualsiasi applicazione di grafica. Come si avvia il color picker? Basta dire il nome, lo stesso per la livella, il metronomo e il resto!

Le novità di cui abbiamo parlato sono in fase di distribuzione, e se vi interessano tenete d’occhio gli aggiornamenti proposti da Google.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intelligenza Artificiale di Google bocciata nel test di matematica per le scuole superiori

prev
Articolo Successivo

League of Legends, i Campus Party Sparks vincono i PG Nationals Vigorsol Beats e vanno agli EU Masters

next