“La Flat tax sarà nel Def, con il coefficiente familiare come avevamo chiesto, affinché della riduzione non ne possa beneficiare chi è già ricco, ma le famiglie che ne hanno realmente bisogno, come chiediamo da giorni. In questo senso esprimiamo grande soddisfazione”. A dirlo, nel tentativo di soffocare la polemica interna al governo senza rinunciare alle proprie rivendicazioni è il vice premier Luigi Di Maio. Da giorni, infatti, si susseguono nell’esecutivo le scaramucce sulla tassa piatta e il suo inserimento nel documento di economia e finanza, la cui discussione è prevista martedì in consiglio dei ministri. Lo stesso Di Maio, in una lettera al Correire della Sera, ancora stamattina rimarcava le differenze, sempre più spigolose, con l’alleato leghista.

Prima i ringraziamenti – “Caro Matteo, grazie. Grazie per il sostegno che hai offerto al cambiamento che abbiamo avviato” – poi la richiesta di evitare “una certa scortesia ingiustificata da parte di qualcuno, che mi auguro non si ripeterà. Siamo e dobbiamo restare, in qualità di rappresentanti dello Stato, garanti della coesione nazionale”. Infine l’avvertenza: “Della flat tax  di cui si discute accesamente – scrive ancora Di Maio – condividiamo i termini e lo scopo. Ne parla il contratto e sarà uno dei punti che occorrerà raggiungere”. Ma “associandovi, a mio parere, comunque un principio di proporzionalità per fare in modo che il beneficio stesso sia distribuito con criterio verso le famiglie e il ceto medio”.

di Simone Bauducco

Il leader leghista aveva risposto a stretto giro: “La Flat tax è un’idea rivoluzionaria ed è unica, piatta e uguale, non esiste che sia progressiva, altrimenti mi tengo il sistema fiscale attuale. Puntiamo a entrare nelle case degli italiani. Si mantenga questo impegno”.

In realtà, secondo Di Maio con la Lega “c’è un accordo di base, una road map che culminerà al termine del naturale corso della legislatura. Da parte del M5S, e dunque del maggiore azionista dell’esecutivo, non c’è alcuna tensione“. Il vicepremier sottolinea “di disporre delle opportune credenziali per rassicurare non solo gli italiani, ma anche gli investitori, i mercati finanziari e chi ci osserva con attenzione”.

Nella stessa lettera il leader dei 5 stelle è tornato poi a parlare della questione delle alleanze in vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio: “Trovo paradossale, è la mia opinione, un’alleanza europea con quei governi che rifiutano di accettare la ridistribuzione dei migranti che arrivano in Italia – ha ribadito Di Maio – sarebbe un controsenso lamentarsi con l’Ue perché non accetta le quote e poi stringere intese partitiche con gli stessi Paesi (penso ad Orbán) che sono causa della nostra emergenza”.

Il leader M5s ha sottolineato poi che quei Paesi “ci ignorano e ci snobbano, violando le regole, mancando di rispetto all’Italia e agli italiani. A ognuno il suo, però, non voglio entrare nel merito dell’argomento. Ne faccio solo una questione di coerenza”. “Dal canto suo – ha continuato – il M5S vuol dar vita ad un progetto nuovo, che cambi l’Europa dall’interno, che abbia al centro della propria agenda le imprese, il lavoro, la democrazia diretta, i diritti e l’ambiente”. In vista del voto quindi, Di Maio ha detto di aspettarsi “una sana e leale competizione tra i due contraenti del contratto durante la campagna elettorale”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Flat tax, Di Maio: “Va fatta, è nel contratto di governo. Ma dico di no se aiuta i ricchi”

next
Articolo Successivo

Europee, la Lega raduna gli alleati sovranisti: “Nessuna cattiva compagnia”. Fico: “Mai con loro. M5s è altra cosa”

next