I Samsung Morning Stars non sono certamente un’organizzazione nuova nel panorama competitivo videoludico italiano: hanno esordito nel 2017 con una team di Overwatch, espandendosi poi su altri titoli come Hearthstone e CounterStrike. Dopo un finale del 2018 che li ha visti esordire negli Overwatch Contenders, massima serie continentale per i team non impegnati nella serie regina del gioco Blizzard (la Overwatch League), i Morning Stars hanno puntato su League of Legends acquisendo dagli Inferno eSports il loro reparto dedicato al MOBA di Riot, e di conseguenza il loro posto all’interno dei PG Nationals.

Riuscendo ad amalgamare al meglio una squadra di player che, a detta degli esperti, al talento affiancano altrettanta focosità, i Morning Stars sono riusciti fin da subito a mostrarsi come una delle nuove “potenze” del campionato targato PG Esports. Giunti terzi nella fase a girone hanno trovato sulla loro strada ai quarti gli iDomina, sconfitti 2-1 , ed in semifinale i più quotati QLASH Forge dove, dopo aver perso il primo round, sono riusciti ad imporsi per 3-1 strappando il biglietto per il Teatro Ciak.

Abbiamo posto alcune domande a David Dall’Aglio,Chief Operating Officer dei Morning Stars, sulla nuova avventura del team:

I Morning Stars sono attivi nel panorama competitivo nazionale ed internazionale già da qualche anno, ma eravate rimasti fuori da League of Legends. Cosa è cambiato?
League of Legends è uno dei giochi più in voga del momento, un’organizzazione come la nostra non poteva restarne fuori. Questo ingresso andava valutato bene, volevamo farlo nel modo giusto e sopratutto con le persone adeguate. A quanto pare alla fine le nostre valutazioni si sono rivelate esatte

Il team di League of Legends usufruisce delle stesse strutture del vostro team di Overwatch?
Tutti i nostri team usufruiscono delle stesse strutture. Ovviamente le equipe di ogni squadra della nostra organizzazione impostano schedule differenti, quindi utilizzi diversi delle facilities. Ma ci troviamo tutti negli uffici della Gaming House, è anche un momento di condivisione di idee molto stimolante.

Giocare dal vivo non è come giocare da casa o dalla gaming house, come si stanno preparando staff e giocatori?
Sicuramente giocare online è molto differente dall’esperienza offline, ma essere in Gaming House da due mesi è decisamente un vantaggio da questo punto di vista. La nostra preparazione è divisa in due parti: ci stiamo organizzando dal punto di vista tecnico per contrastare le strategie degli avversari, e stiamo mettendo in pratica tecniche per far rilassare la squadra per essere più efficienti possibi.

Da poco PG Esports, ha annunciato l’arrivo di Virgorsol come title sponsor del torneo, è un segnale di cambiamento nella percezione dell’esport in Italia? 
Per ora il campionato italiano di League, come degli altri videogiochi nella penisola, ha meno appeal rispetto alcune delle competizioni europee dello stesso livello (Spagna, Francia, Germania, etc.). Un passo alla volta questo gap si sta colmando . C’è ancora molta strada da fare, ma si procede verso la direzione giusta. Con Vigorsol come title sponsor ci aspettiamo che l’eco-sistema di LoL in Italia diventi più stabile, creando un ambiente che attragga più investimenti e più giocatori di livello

Vi vedremo impegnati nel nuovo campionato di Rainbow Six di PG Esports?
Questa è una sorpresa. Diciamo che con Overwatch abbiamo costruito molto expertise sui titoli FPS. Forse… Vale la pena pensarci.

Il Team


  • Nickname: Acefos
  • Ruolo: Top Laner
  • Nome e Cognome: Alexandru Neatu
  • Nazionalità: Italiana

  • Nickname: Kamil
  • Ruolo: Jungler
  • Nome e Cognome: Kamil Marcysiak
  • Nazionalità: Inglese

  • Nickname: Vrow
  • Ruolo: Mid Laner
  • Nome e Cognome: Albu Bogdan
  • Nazionalità: Rumena

  • Nickname: nash1c
  • Ruolo: Bot Laner
  • Nome e Cognome: Diego García
  • Nazionalità: Spagnola

  • Nickname: Simpy
  • Ruolo: Support
  • Nome e Cognome: Sergi Ruiz
  • Nazionalità: Spagnola

  • Nickname: Machuki
  • Ruolo: Coach
  • Nome e Cognome: Victor Macuka
  • Nazionalità: Spagnola

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il riconoscimento facciale di Amazon? Per gli esperti è il Ku-Klux-Klan 2.0

next
Articolo Successivo

Rousseau si è rivelata un colabrodo. E la multa del Garante della privacy va presa sul serio

next