Domenica 7 aprile a Milano, presso il Teatro Ciak, si terrà la finale stagionale dei PG Nationals Virgorsol Beats, il campionato ufficiale italiano di League of Legends che vedrà il team vincitore rappresentare l’Italia all’European Masters organizzati da Riot Games.

Sul palco si affronteranno in un’inedita finale due dei team “esordienti” del campionato, i Campus Party Sparks ed i Samsung Morning Stars, entrambe frutto di nuovi investimenti nel settore. La sfida vedrà le due squadre darsi battaglia sulla Landa degli Evocatori utilizzando il formato standard, al meglio delle 5 partite; l’esito non è sicuramente scontato.

L’evento, organizzato da PG Esports, sarà seguibile sia dal vivo – i biglietti sono acquistabili online – che in diretta streaming sul canale Twitch degli organizzatori; il commento delle partite sarà affidato ai due veterani Lapo “Terenas” Raspanti e Roberto “KenRhen” Prampolini, insieme a Edoardo “EddieNoise” PriscoEmiliano “Moonboy” Marini, e supportati da Andrea “Ryu” Fadini, analyst dei QLASH Forge (giunti 2° nel girone, ma usciti dalla competizione in semifinale).

Nelle prossime pagine troverete un approfondimento sui due team protagonisti della finale, con un riassunto sulla loro esperienza nel campionato, brevi interviste al management di entrambe ed i rispettivi schieramenti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il riconoscimento facciale di Amazon? Per gli esperti è il Ku-Klux-Klan 2.0

prev
Articolo Successivo

Rousseau si è rivelata un colabrodo. E la multa del Garante della privacy va presa sul serio

next