Li lasciavano scappare dal centro di accoglienza, anche di notte, “secondo forme e modalità ben organizzate e pianificate“. Ragazzini e bambini, anche di meno di 10 anni anni, e che così erano esposti a qualunque rischio. È questa l’accusa contestata dalla procura di Roma a 22 persone. Per abbandono di minori sono finiti così in carcere il presidente dell’associazione “Virtus Italia Onlus – Consorzio di solidarietà sociale” e il responsabile del centro di Primissima Accoglienza per minori non accompagnati di via Maria Annibale di Francia a Roma.

Per ordine del gip di Roma, Francesco Patrone, sono finite ai domiciliari anche altre 14 persone appartenenti alla onlus, mentre ad altre sei è stato notificato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini iniziate nel 2016, coordinate dalla procura di Roma e condotte dalla Polizia locale, hanno fatto “emergere reiterati abbandoni di minorenni, nella maggior parte dei casi di età inferiore ai 14 anni, secondo forme e modalità ben organizzate e pianificate“.

La onlus, come si legge sul sito, è stata fondata nel 1993, e si è subito occupata di immigrazione e poi di minori in situazione di disagio, donne vittime di violenza o di tratta, anziani e disabili. “Da sempre, quindi, attenta ai problemi delle fasce più deboli della società, delle minoranze e degli emarginati, la Virtus – si legge sul loro sito – è una realtà multirazziale e multiculturale, è orientata a promuovere lo sviluppo dell’individuo. Punta a valorizzare le singole risorse umane, collaborando con le famiglie e le strutture territoriali deputate all’educazione, al sostegno ed all’assistenza, e promuovendo un’idea di società civile”.
“Tutti i minori presenti nel Centro di Primissima Accoglienza di Villa Spada, coinvolto in alcune indagini della Procura di Roma, sono stati immediatamente supportati da due assistenti sociali e nel corso della giornata verranno ricollocati, dal Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale, presso altre strutture. In questo modo verrà loro assicurata una piena continuità dei servizi e delle tutele”, ha fatto sapere il Campidoglio.
Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“Pezzi di m… dovete morire di fame”, a Torre Maura i panini per i rom buttati per terra e calpestati: le tensioni

next