Avvertivano la cosca di Cosa Nostra dei lavori edili in corso in zona e facevano da intermediari tra le aziende e la criminalità organizzata per favorire il loro monopolio di fatto sulle forniture di calcestruzzo, imponendo anche il pizzo ai concorrenti. Con questa accusa sono stati arrestati due imprenditori di Enna, Giuseppe Di Venti e Giuseppe Antonio Falzone, titolari di un impianto che produce appunto calcestruzzo (Nuova Beton è l’ultimo nome della società), accusati entrambi di concorso esterno in associazione mafiosa. In carcere è finito anche quello che viene considerato il boss mafioso di Calascibetta, in provincia di Enna. L’operazione è stata, condotta dalla polizia del commissariato di Leonforte e dalla squadra mobile e coordinata dalla Dda di Caltanissetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caserta, medici e infermieri assenteisti: 28 indagati. Uno era in viaggio all’estero e il figlio timbrava il cartellino

prev
Articolo Successivo

Torre del Greco, pacchi alimentari e pochi spiccioli per un voto: 8 arresti. Il gip: “Mercimonio indegno di un paese civile”

next