Il 1 aprile è lecito aspettarsi una montagna di pesci d’aprile online. Google mantiene la tradizione di distinguersi dal coro, escogitando giochini curiosi. Per il pesce d’aprile 2019 ha ideato un gioco per i nostalgici degli anni’90, che resterà attivo nella versione mobile per un’intera settimana. Si chiama Snake e il rimando è ovviamente al videogame presente su molti telefonini della prima era, soprattutto i modelli Nokia. Il serpentello che cresce mangiando tutto quello che appare sullo schermo si insinua in Google Maps, il popolare navigatore satellitare di BigG.

Da oggi e per una settimana, le schermate su cui si muoverà il serpente saranno città come Il Cairo, Londra, San Francisco, San Paolo, Sydney e Tokyo. Per giocare con lo smartphone basta aprire l’app Google Maps, selezionare l’icona della città dal menu nell’angolo in alto a sinistra, quindi selezionare “Gioca a Snake”.

Una volta selezionata una città, il vostro serpente sotto forma di autobus o treno inizierà a raccogliere quanti più passeggeri possibile, correndo vicino al Big Ben, alla Grande Sfinge di Giza alla Torre Eiffel. Se preferite, invece di una città in particolare potete scegliere l’opzione “Mondo”, per far mangiare il serpente su scala planetaria. Imperativo non uscire dalla mappa!

Questa simpatica variante di Google Maps sarà attiva per una settimana sulle app Android e iOS, da PC invece si potrà giocare alla pagina dedicata, anche quando il pesce d’aprile sarà ormai superato da un pezzo. Nella versione su PC però il serpente è veloce come un ghepardo, non uscire dalla schermata è davvero difficile!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon, le migliori offerte di primavera del 1 aprile

prev
Articolo Successivo

“Perché vedo questi post su Facebook?” La risposta sarà presto nel menu di tutti gli utenti

next