L’Agenzia Spaziale Italiana in questi giorni sta vivendo un paradosso: è rivolta al futuro, ma i suoi dirigenti devono fare i conti col passato. Se da una parte si attende l’ufficialità della nomina di Giorgio Saccoccia a presidente, dall’altra il commissario Piero Benvenuti e il subcommissario Giovanni Cinque sono impegnati in un carteggio a distanza che merita di essere raccontato per comprendere l’origine di veleni, partite e rivalità che di spaziale hanno davvero ben poco. Oggetto del contendere sono i limiti di movimento del sub commissario voluto dalla Lega (ormai egemone nelle questioni spaziali), che a sentire Benvenuti (in quota M5s) ha svolto attività ispettive sulle passate gestioni dell’Asi e del Cira, il Centro italiano di ricerca aerospaziale di Capua controllato dall’Asi. Poteva farlo?

L’attività ispettiva del subcommissario Cinque
L’11 febbraio il commissario Asi scrive al ministro dell’Istruzione Marco Bussetti (e per conoscenza al premier Giuseppe Conte) per manifestare le proprie perplessità e sapere se il lavoro di Cinque è compatibile con il mandato. Il titolare del Miur risponde il 20 febbraio, sottolineando che tali attività “esulano dalle competenze dell’organo di indirizzo politico“. Cinque in pratica sta andando oltre il compito per cui è stato nominato. Il 13 marzo, però, è il subcommissario a firmare una nota di sei pagine: un documento che diventa centrale nella storia che si sta per raccontare. Lo scritto dell’avvocato riguarda infatti una due diligence gestionale ed amministrativa voluta dall’ex presidente dell’Asi Roberto Battiston il 16 febbraio 2017 e chiesta alla società Deloitte. L’obiettivo del fisico era quello di capire nel dettaglio come è stato amministrato il Cira dal 2011 al 2016, ovvero negli anni in cui alla guida dell’Asi c’era prevalentemente Enrico Saggese, dimessosi a febbraio 2014, poi arrestato (ai domiciliari) con l’accusa di concussione e rinviato a giudizio il 9 febbraio scorso anche per corruzione. I bilanci del Cira sono preoccupanti (nel 2016 perdite per 7,2 milioni), Battiston vuole vederci chiaro. Deloitte conclude il suo lavoro in poco meno di sette mesi e il 4 settembre 2017 consegna la due diligence, costata 100mila euro. Il report scatta una fotografia della gestione opaca del Centro di ricerca, con costi del personale e delle consulenze esterne lievitati negli anni a fronte di un taglio della manutenzione. Un fattore, quest’ultimo, che ha causato danni e mancato utilizzo delle strutture avveniristiche del Cira, con conseguenti ed esorbitanti necessità di spese (si parla negli allegati tenici di 20 milioni) per riportarle in funzione. Si tratta di impianti di proprietà dello Stato, che negli anni ha investito oltre un miliardo di euro per realizzarli.

Cinque difende l’operato del vecchio Cira
Il 13 marzo scorso, però, il ‘caso due diligence’ diventa l’oggetto della lettera del subcommissario Cinque, inviata non solo al commissario Benvenuti, ma anche ai vertici del Cira, compreso il presidente del Collegio dei sindaci Michele Cantone, fratello del presidente Anac Raffaele. Nel documento, l’avvocato Giovanni Cinque (che dal Cira, nel tempo, ha percepito più di un milione di euro di incarichi diretti o indiretti attraverso lo studio Militerni e che nel 2012 tramite lo studio per cui lavora è diventato consulente legale del centro per volere di Saggese, percependo 50mila euro annui per un triennio) non obbedisce all’invito esplicito di Benvenuti: parla della passata gestione del centro di Capua perché – scrive – lo stesso commissario il 5 febbraio 2019 ha ripreso la nota di Battiston, quindi anche lui si è occupato di precedenti gestioni. L’ingegnoso grimaldello giuridico concede a Cinque la possibilità di provare a smontare la due diligence di Deloitte, definita un “fuor d’opera rispetto alla condotta puntualmente osservata, dal 2011 ad oggi, dagli organi di amministrazione e di controllo del Cira”. Per Cinque, insomma, il taglio della manutenzione e dei relativi costi non è veritiero (budget di 2,4 milioni invariato negli anni, scrive), la gestione esterna della stessa e gli affidamenti diretti sono regolari e il fermo degli impianti dovuto a “un preciso indirizzo strategico dei soci”, che dal 2014 hanno avviato “un piano di ammodernamento di quegli stessi impianti ritenuti obsoleti“.

La perquisizione della Guardia di Finanza
Chi ha ragione, a questo punto? La Deloitte o Giovanni Cinque? Di certo la gestione del Cira è al centro del lavoro dei magistrati di Santa Maria Capua Vetere: l’11 ottobre 2018 la Guardia di Finanza di Caserta è andata nella sede di Capua e ha acquisito tutta una serie di documenti sulla gestione della manutenzione e sulla conduzione degli impianti da settembre 2014 a ottobre 2018. Non è dato sapere, tuttavia, se i finanzieri in quella occasione abbiano fotocopiato anche la famosa due diligence. Non solo. L’aerospazio in Campania è sotto la lente d’ingrandimento anche di altre procure e compare trasversalmente in atti di ulteriori indagini, tra le quali quelle relative al noto imprenditore Adolfo Greco attualmente in carcere con accuse di tentata estorsione aggravata dal metodo camorristico.

La risposta di Benvenuti: la due diligence è una spada di Damocle
Resta il fatto che la relazione di Deloitte fotografa una situazione per nulla chiara nella gestione del Centro di ricerca. Il subcommissario Cinque, però, ha provato a smontare quelle 148 pagine, definendole un “fuor d’opera”. La risposta di Benvenuti, arrivata il 27 marzo 2019, è inequivocabile: “Nonostante tu abbia scritto nella qualità di sub commissario dell’ASI, e quindi presumibilmente con la finalità di perseguire gli interessi dell’Asi e coadiuvare il sottoscritto a tal fine – ha scritto il commissario – la tua nota si atteggia piuttosto come una difesa dell’operato e degli interessi del Cira, difesa che, peraltro, non hai neanche ritenuto di condividere con il sottoscritto prima di inviarla, avvalorandola indebitamente come posizione dell’Ente”. Un fatto grave per Benvenuti, “ancor più se solo si consideri che, in tale circostanza, hai ritenuto, altresì, di contestare l’operato, passato e presente, dell’Asi, entrando in polemica con il sottoscritto e chiedendomi di motivare, di fronte a soggetti esterni all’Asi, le azioni poste in essere al fine di raccogliere le informazioni aggiuntive già richieste al Cira sulla due diligence”. Un documento, quest’ultimo, che Benvenuti non intende cestinare, anzi: “L’analisi e le azioni connesse alla due diligence, non essendo state ancora concluse – ha fatto sapere il commissario – lasciano aperta ogni valutazione ed eventuale intervento da parte di ASI e, pertanto, rientrano nella responsabilità anche della presente fase di commissariamento“. Benvenuti, poi, ha sottolineato come Cinque non abbia rispettato la riservatezza del caso, “anche per evitare la diffusione non controllata di informazioni a soggetti che potrebbero essere potenzialmente coinvolti nelle vicende in discussione”. La questione, quindi, è tutto tranne che conclusa. Al prossimo presidente Giorgio Saccoccia (il prossimo 4 aprile il via libera nella riunione del Comitato interministeriale presieduto dal leghista Giancarlo Giorgetti) il compito di far luce una volta per tutte su ciò che finora è stato tenuto sotto traccia.

 

09.05.2019 – Dal sub commissario dell Asi Giovanni Cinque riceviamo e pubblichiamo la seguente richiesta di rettifica

1. Tutte le attività condotte dal Sub commissario Cinque sono state svolte nella piena osservanza dei doveri istituzionali che derivano dal mandato commissariale a lui conferito dal Governo.

2. La nota ministeriale citata nell’articolo risponde ad un quesito di interpretazione autentica formulato dal Commissario Benvenuti volto a stabilire se la richiesta di documenti, prevalentemente pubblici, inoltrata da Sub commissario Cinque rientrasse o meno nel mandato governativo (11 mail dal 7 dicembre 2018 al 7 febbraio 2019). La risposta ministeriale ha chiarito che le questioni così poste “esulano dalle competenze dell’organo di indirizzo politico” e attengono ad “aspetti di carattere puramente gestionale, inerenti l’amministrazione attiva di codesta Agenzia“.

3. Nella qualità di Sub commissario dell’Agenzia Spaziale Italiana mi sono occupato del tema della manutenzione degli impianti del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali s.c.p.a. di Capua (CE). Dalla disamina dei documenti ufficiali (piani triennali di attività, relazioni annuali della Corte dei conti e verbali del Collegio sindacale) ho potuto constatare che: (a) i costi annui di manutenzione ordinaria, dal 2011 ad oggi, con le presidenze Saggese, Carrino, Rovai ed Annunziato,  sono rimasti sostanzialmente invariati (circa 2,4ml); (b) il fermo degli impianti, come emerge in particolare dai piani triennali di attività e dalle relazioni annuali della Corte dei conti, appare riconducibile ad esigenze di adeguamento tecnologico e di naturale obsolescenza, senza che vi sia alcun riferimento nei citati documenti ufficiali a presunte cause di “scarsa manutenzione”. Non mi sono occupato degli aspetti, ben diversi, della regolarità degli affidamenti e di eventuali presunte responsabilità. Ogni contraria affermazione contenuta nell’articolo di cui si chiede la rettifica, non è veritiera.

4. Con riferimento al periodo considerato nell’articolo si precisa che nel 2012, l’avvocato Giovanni Cinque, quale socio dello studio Militerni & Associati con sede legale in Milano, ha sottoscritto un contratto di consulenza legale di supporto alla direzione generale, di durata triennale e compenso pari a €50.000 annui. Si precisa altresì che l’avv. Giovanni Cinque ha svolto attività professionale in nome e per conto del Cira s.c.p.a sotto le presidenze Vetrella, Piva, Saggese e Carrino. Ogni altra notizia riportata nell’articolo non è veritiera”.

Gentile Sub commissario Giovanni Cinque,

1. Il punto non appare coerente con quanto affermato dal commissario Benvenuti nella sua nota dell’11 febbraio 2019. Non è un commento di chi scrive.

2. La risposta ministeriale, al di là di ogni ragionevole dubbio, conferma i rilievi dell’ex commissario Piero Benvenuti (e non de ilfattoquotidiano.it).

3. Nella due diligence della Deloitte e nei relativi allegati prodotti dagli ingegneri e dai ricercatori appartenenti alla divisioni impianti del Cira si evince l’esatto contrario.

4. Lei conferma di aver lavorato per quattro presidenti Cira, ma omette di rendere nota la cifra complessiva degli emolumenti ricevuti, che confermiamo essere di circa un milione di euro.

P.G.C.

Aggiornato da Redazione Web il 10 maggio 2019 alle 19.28

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte Morandi, l’ad di Atlantia Giovanni Castelucci incassa 3,7 milioni di bonus per i risultati nell’anno del crollo

prev
Articolo Successivo

Esclusivo – Il rapporto segreto di Deloitte sui conti del Centro spaziale: manutenzioni tagliate, più consulenze e assunzioni

next