”La proposta della Lega sulla castrazione chimica? Non è un argomento all’ordine del giorno: le nostre proposte mirano a portare in carcere chi fa violenza alle donne. Quella proposta è invece l’obiettivo di far subire un trattamento a chi sta fuori. A me non interessa che stia fuori una persona con il testosterone basso, ma che stia in carcere”. A rivendicarlo il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, a margine di un convegno alla Corte d’Appello di Roma, in merito alla proposta del partito di Matteo Salvini sulla castrazione chimica in caso di violenza sessuale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Bibbia e moschetto, salviniano perfetto

next