Chi fermerà Salvini? La realtà. Siamo abituati un po’ al suo protagonismo, agli effetti comunicativi, a qualche vena di bullismo e anche a qualche risultato, ma sproporzionato rispetto alla comunicazione sovrabbondante. Salvini non è tutta fuffa, ma molta sì. Questi giaguari qui sono sempre in campagna elettorale. Ma chi sta in bottega?“. Sono le parole del deputato di Liberi e Uguali, Pier Luigi Bersani, ospite de L’Aria che Tira, su La7.

L’ex segretario del Pd commenta l’esito delle elezioni regionali in Basilicata: “Il risultato è la foto della situazione. Del resto, lo abbiamo visto anche in Sardegna e in Abruzzo. C’è un grande rispolvero della destra, ma è un errore pensare che questo successo sia dovuto al governo M5s-Lega. Questo è un fatto mondiale”.

E alla conduttrice Myrta Merlino, che gli chiede se la cavalcata di Salvini somiglia a quella di Renzi, Bersani risponde: “Assolutamente no. Diciamo che hanno la stessa origine, nel senso che quella di Renzi era nel boom della globalizzazione ma Renzi ha continuato a usare parole antiche durante il cambiamento di quella fase. Faceva cioè il Blair quando Blair era di 20 anni prima. Salvini si è trovato nel ripiegamento della globalizzazione col suo istinto difensivo, aggressivo e identitario. Ma è un fenomeno mondiae. Si pensi a Trump, Duterte nelle Filippine, Orban. Certo – chiosa – se trovi un interprete brillante come questo giaguarino qui (giaguarino, eh, Berlusconi era un giaguaro), allora vanno. E il risultato delle elezioni in Basilicata conferma questo. I 5 Stelle? Riconosciamo che si sono anche un po’ stabilizzati con quel 20,5% alle regionali in Basilicata. Il problema è un altro e riguarda la loro strategia difensiva. Dove vanno? Questo è il punto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Basilicata, Feltri: “Ma chi se ne frega, mica è la Cina. Calo del M5s? Non ne sono addolorato. Anzi, sono euforico”

next
Articolo Successivo

Congresso Famiglie, Scanzi vs Meloni: “Concentrato di sessismo, omofobia, misoginia”. “Sono punti di vista”

next