“Ci dobbiamo occupare di più di sicurezza interna. Siamo andati vicino a una strage, la cosa ci preoccupa enormemente. Abbiamo ottenuti grandi risultati dal punto di vista dell’immigrazione, ma basta creare casi nazionali su ogni singolo barcone”. Così Danilo Toninelli sull’autista arrestato, fermato in passato per guida in stato di ebbrezza: “Non sono un magistrato e non ho scritto le regole interne dell’azienda, so che c’è un senso di responsabilità che viene prima delle leggi. Quello del controllo. Inaccettabile che una società non faccia controlli sulle patenti degli autisti. Lo Stato farà di tutto per migliorare, ma lo devono fare anche gli altri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Verdini cambia Matteo per restare al tavolo di chi comanda: Salvini al ristorante dell’inventore del Nazareno

prev
Articolo Successivo

Pd, Prodi: “Non è più il partito dei ricchi”. Marattin replica con 7 tweet (senza citarlo): “Da noi lotta alla povertà”

next