Sì, le squadre di calcio giocano negli stadi. E’ una cosa scontata, no? Beh lo è, soprattutto se parliamo di partite di alto livello, di serie A. E soprattutto se parliamo di calcio maschile. Per le donne, invece, giocare in un vero stadio non è affatto scontato, anzi è una notizia. Di solito infatti – quando va bene – si gioca nei campi di allenamento dei maschi, quando va male ci si rincorre su terreni scalcagnati, pieni di pozze e avvallamenti. Erba poca. Vedere per credere.

Domenica 24 marzo, dunque, per il calcio femminile italiano sarà una storica prima volta: all’Allianz Stadium di Torino, quello della remuntada bianconera contro l’Atletico Madrid in Champions, andrà in scena il big match di campionato Juventus Women-Fiorentina women, rispettivamente in prima e seconda posizione della classifica di serie A femminile. Complice la pausa nazionale, infatti, lo Stadium sarà libero dagli impegni di Ronaldo e compagni.

Sulla pagina Facebook della Juventus le giocatrici hanno suonato la carica perché – e non è banale – per loro questo è un sogno che si realizza.

E stavolta non c’è stata nessuna polemica sui prezzi stellari dei biglietti: allo Stadium infatti si entrerà gratis, basta “prenotare” l’ingresso su Ticketone. Insomma, di strada da fare ce n’è ancora parecchia ma forse le 61mila presenze al Wanda Metropolitano per Athletic Bilbao-Atletico Madrid femminile in Spagna non sono solo un miraggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Special Olympics, l’emozione di Devis D’Arpino medaglia di bronzo negli 800 metri: “Come pesa! Non ci credo nemmeno”

prev
Articolo Successivo

Stefano Iacobone, morto l’ex azzurro di nuoto: fu campione italiano nel 2009

next