Accolto da un lunghissimo e commosso applauso, Manuel Bortuzzo, la 19enne promessa del nuoto rimasta paralizzata alle gambe dopo essere stato colpito a Roma da un proiettile sparato da due ragazzi lo scorso 3 febbraio, è stato ospite di Massimo Giletti a “Non è l’arena”, su La7.
Manuel ha spiegato le ragioni per cui non si è lasciato avvincere dallo sconforto: “Ho guardato avanti. Ho cercato tutte le cose più belle che potevano esserci davanti e che mi aspettavano. E sono molte di più di quelle brutte che ho passato. Sicuramente l’essere atleta mi ha aiutato, cioè il saper guardare avanti per obiettivi. Adesso combatto contro me stesso e contro il tempo, come ho sempre fatto in acqua. Ora, però, ci sono io e basta: io che lotto contro me stesso e mi sfido. E ogni giorno, sensazione per sensazione, vado avanti”.
Il giovane nuotatore ha descritto la sua riabilitazione in acqua: “La prima volta mi sono seduto sul muretto, ho messo le gambe in acqua e non ho sentito niente, nessuna sensazione di bagnato o di asciutto. Poi, piano piano, entrando in acqua con tutto il corpo mi sono sentito finalmente bagnato. Una volta immerso, ho provato una grande emozione e una sensazione bellissima, a cui prima non davo peso perché mi sembrava normale”.
Manuel ha voluto rivedere la terribile scena dell’aggressione e ha spiegato il motivo: “Voglio riguardare l’immagine per capire se si vedeva una parte un po’ particolare di quel momento. Ed è quella in cui ho detto alla mia ragazza: ‘Ti amo’. Ero lì, avevo mille pensieri per la testa, però averla vicina mi ha fatto subito pensare a una cosa. Non sapevo se sarei riuscito più a rivederla. Lei doveva sapere che la amavo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pd, l’ira di Marattin su La7. Ferma la diretta con Salvini e accusa: “Dice balle su spread. La stampa si ribelli”

next