“Ho letto che gli Stati Uniti sono preoccupati” per l’intesa Italia-Cina sulla ‘Via della Seta’, ma “non hanno ragione di preoccuparsi perché restano il nostro principale alleato. Anzi: io ho apprezzato a suo tempo Trump quando ha detto ‘America First‘. Allora io dico adesso ‘Italia First’: miriamo a tutelare gli interessi dei nostri imprenditori che vogliono portare il made in italy nel mondo. Facciamolo firmando degli accordi commerciali che non sono accordi politici, ma restiamo alleati degli Usa, restiamo nella Nato e all’interno del Patto dei Paesi occidentali”. Così il vicepremier Luigi Di Maio parlando con i giornalisti fuori Palazzo Chigi. Il vicepremier ci tiene a sottolineare che “non c’è nessuno scambio nel governo con la Lega, tra ‘memorandum’ e F35, anzi il dossier è nelle mani del presidente Conte e del ministro della difesa Trenta – e aggiunge – sugli F35, io penso che il M5s debba continuare a chiedere di rivisitare questo progetto. Quelli che erano gli arretrati li abbiamo pagati, ma adesso bisogna rivisitare il progetto, perché magari dobbiamo recuperare risorse per investirle in cyber sicurezza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Codice appalti, Zaia: “Va cambiato”. Ma Chiamparino: “Finanziamenti e progetti lenti, norme non sono problema”

prev
Articolo Successivo

Acqua pubblica, Di Maio dopo emendamenti Lega: “È la nostra prima stella, M5S non è disposto ad arretrare”

next