“Il voto sulla blockchain sarà sicuramente inserito nella piattaforma Rousseau non appena lo avremmo costruito e finalizzato”. Lo ha detto Davide Casaleggio, presidente e fondatore dell’associazione Rousseau, a margine della kermesse milanese, a Palazzo delle Stelline. “Oggi – spiega Casaleggio – siamo qui anche per condividere un primo passo che è stato fatto in questa direzione”. Questo, sottolinea, è “un nuovo modo di gestire una parte di software e di un nuovo diritto che oggi sta emergendo di voto online”.

Ai cronisti che gli chiedono se renderà il voto più sicuro a livello di hackeraggio, Casaleggio assicura: “Dal punto di vista della gestione del dato è blindato, proprio per la tecnologia della blockchain che non permette nessuna modifica, neanche successiva, dei dati che vengono inseriti in blockchain”. Ma “soprattutto è un permettere la certificazione distribuita, che è un nuovo modo di gestire il dato che fino ad oggi non era possibile fare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Salvini: “Non c’è alcuna crisi in vista. Situazione economica non ci permette di scherzare con il futuro”

prev
Articolo Successivo

Tav Torino-Lione, le fake news sulle due analisi contrastanti del professor Ponti

next