Il 9 marzo si celebra la Giornata per le malattie neuromuscolari, giunta in Italia alla terza edizione. Queste patologie rientrano nel gruppo delle malattie rare e da questa caratteristica derivano i principali ostacoli che spesso impediscono alle persone di ottenere una diagnosi appropriata e tempestiva oltre che un trattamento di cure adeguato. La qualità di vita di queste persone non è certo uguale a quella dei cosiddetti normodotati ma la voglia di lottare per una esistenza dignitosa è presente in molti di loro.

Il lavoro e la musica, lo sport e la difesa dei diritti per tutti, sono i campi di interesse per tante donne e molti uomini che convivono con patologie neurologiche genetiche. Ad esempio Laura Miola, con la neuropatia di Charcot-Marie-Tooth, si batte in particolare per sostenere le donne e mamme con disabilità e Ion Jignea, campione del mondo di powerchair hockey con la nazionale italiana, rivendica maggiori investimenti e da dedicare allo sport accessibile per le persone con queste patologie.

La Giornata è promossa dall’Alleanza Neuromuscolare di cui fanno parte diverse organizzazioni di pazienti, medici e operatori del settore come l’Associazione italiana sistema nervoso periferico, l’Associazione italiana di miologia e Fondazione Telethon. L’obiettivo centrale da parte degli enti organizzatori è quello di venire incontro alla crescente richiesta di informazioni su queste malattie, soprattutto dalle famiglie, e di promuovere una vasta e corretta divulgazione dei progressi diagnostici e degli sviluppi degli approcci terapeutici. I programmi delle singole iniziative e le informazioni relative al progetto sono disponibili sul sito dell’evento. Poi ci sono le persone in carne e ossa che vivono quotidianamente una “vita speciale” e, nonostante tutto, sono protagonisti attivi nel loro specifico ambito.

Giornata per le malattie neuromuscolari. Laura, Ion, Stefania e tutti gli altri: così combattiamo e viviamo

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Dovresti sapere come si prevengono le gravidanze” e altre frasi non necessarie. Parlano le donne che hanno abortito

next
Articolo Successivo

Honduras, dove abortire è illegale. “Ho interrotto la gravidanza perché violentata. Io in cella, l’aggressore libero”

next