Cambiato idea dopo la crisi minacciata sulla Tav? Certo siamo tutti nelle mani del buon Dio, non c’è niente di certo. È molto probabile che queste tre leggi siano leggi dello Stato entro primavera”. Queste le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dopo lo scontro a distanza con il M5s e la crisi evocata, nel corso di una conferenza stampa in cui ha assicurato che saranno approvate entro primavera la legge sulla legittima difesa (per la quale è necessario l’ultimo passaggio al Senato), il codice rosso per le denunce di violenza da parte delle donne e l’inapplicabilità del rito abbreviato per i reati puniti con l’ergastolo. Una conferenza dove Salvini non ha voluto rispondere a domande sul caso Tav: “Se ne riparla da lunedì, non ci saranno vertici prima, torno a Milano”, ha tagliato corto. A chi gli ha chiesto se quindi ci sarà un governo in primavera, Salvini ha aggiunto: “Che ci sia un Parlamento è fondamentale, perché le leggi le approva il Parlamento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, La7 rivela studio inedito Ue a sostegno dell’Alta Velocità firmato da società di Ponti. “Non è analisi costi-benefici”

prev
Articolo Successivo

Ddl Pillon, Salvini: “Richieste di ritiro? È buon punto di partenza. Migliorabile, ma diritto di famiglia va riformato”

next