“Gli italiani mi chiedono, meritano e si aspettano crescita e futuro. Voglio un Paese che va avanti, non che torna indietro. Se ho speso soldi per scavare un buco sotto una montagna, preferisco spendere altri soldi per finirlo, quel buco, piuttosto che per tornare a riempirlo”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervenendo a Potenza a un incontro per la presentazione dei candidati della Lega alle prossime elezioni regionali del 24 marzo. “Ovviamente c’è la tutela dell’ambiente – ha aggiunto Salvini – ma una cosa non esclude l’altra: non siamo ultrà, o industria o alberelli, l’Europa è piena di dimostrazioni pratiche e concrete che l’industria pulita può convivere con un ambiente sano”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tav, Dall’Osso: “M5s sarà schiacciato da Lega, passerà il sì. Io sono a favore. In analisi costi-benefici hanno scritto balle”

next
Articolo Successivo

Tav, Coppa (Ascom Torino): “Voce economica resta vigile. Conte ha promesso di venire in Valle: mantenga la parola”

next