Esclude il rischio crisi di governo, ma ammette la fase di stallo tra Lega e M5s sul Tav Torino-Lione.Anche sulla decisione da prendere sui bandi, nonostante la scadenza di lunedì ormai imminente. Il presidente Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha spiegato come la situazione non si sia ancora sbloccata: ““Io stesso ho espresso forti dubbi e perplessità sulla convenienza del Tav e lo ribadisco. Non sono affatto convinto che questo sia un progetto infrastrutturale di cui l’Italia ha bisogno”. Per questo “l’unica strada, alla luce dei forti dubbi emersi, è procedere ad un’interlocuzione con i partner di questo progetto, Francia e Ue, per condividere questi dubbi e le perplessità”, ha chiarito Conte. Per poi ammettere: “Abbiamo forze politiche con sensibilità politiche differenti” e “siamo in stallo anche sui bandi”. In serata è previsto un Consiglio dei ministri, ma secondo il premier la questione non verrà affrontata. “I bandi? Sono lunedì, dateci tempo, scioglieremo la riserva nelle prossime ore”, ha tagliato corto il presidente del Consiglio.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dismissioni, temiamo che il piano del governo porti alla vendita dei beni culturali

prev
Articolo Successivo

Tav, Esposito (Pd): “Salvini vada fino in fondo a costo di far cadere il governo. Toninelli? Dice cose da avanspettacolo”

next