Lo sgombero è iniziato e ancora nessuno sa ufficialmente quanti migranti si trovano all’interno della baraccopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria. Alcuni sindacalisti dell’Usb che sono riusciti entrare nel ghetto parlano di molti meno migranti del solito. Addirittura, stando al sindacato, sembrerebbero circa 300. L’unico numero che in questo momento sembra indiscutibile è quello delle forze dell’ordine impiegate per smantellare il ghetto a ridosso del porto di gioia Tauro. Fonti del Viminale sostengono che il dispositivo di sicurezza e di circa 600 uomini, in assetto antisommossa, tra polizia, carabinieri, guardia di finanza ed esercito.

La sensazione, però, è che siano di più gli agenti mobilitati, forse troppi per una situazione che, al momento, non lascia pensare a proteste da parte dei migranti. Molti dei quali tra l’altro si sono allontanati volontariamente essendo questo sgombero annunciato pubblicamente da tempo. Oltre a quelli trasferiti negli ex-Sprar e nei Cas su invito della prefettura, infatti, ci sono stati migranti che in nottate e nei giorni scorsi hanno deciso di trasferirsi nei vari casolari sparsi per le campagne della Piana.

In questo momento le ruspe dell’esercito sono state portate nell’area e tra poco entreranno in azione. “Lo smantellamento della tendopoli andava fatto sicuramente. – commenta Peppe Marra dell’Usb – Avremmo preferito tempi e modalità diversi. È stato deciso così. Speriamo che vada tutto nel migliore dei modi possibile”.”Come promesso, dopo anni di chiacchiere degli altri, noi passiamo dalle parole ai fatti“, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, 24enne violentata da tre persone in un ascensore della Circumvesuviana

prev
Articolo Successivo

Napoli, 24enne violentata nell’ascensore della Circumvesuviana: fermati tre ragazzi tra i 18 e i 20 anni. “Stupro di gruppo”

next