Il primo bilancio del “punteggio social” che in Cina “premia a buoni e punisce i cattivi” lascia a bocca aperta: nel 2018 è stato vietato l’acquisto di biglietti di aerei o treni per 23 milioni di volte. Significa che sono stati bloccati 23 milioni di tentativi di acquistare biglietti, non si sa da parte di quanti cittadini. La notizia si riallaccia a una misura annunciata lo scorso anno da Pechino, che prevede da parte del Governo l’assegnazione di “punti”, positivi o negativi, a ciascun cittadino, a seconda del suo comportamento. I punti positivi spettano a chi fa azioni positive e da imitare, come per esempio il volontariato. Quelli negativi vengono affibbiati a chi subisce condanne, prende multe, o ha fra gli amici persone “poco raccomandabili”.

Crediti: Depositphotos

 

Come avevamo spiegato a suo tempo, chi aveva punteggi bassi poteva essere punito con il divieto di viaggiare in aereo o su treni veloci, di iscrivere i propri figli a scuole di un certo livello, e di accedere a Internet. Secondo i dati pubblicati da Associated Press, che sarebbe entrata in possesso di una copia di un report governativo, quelle indicate sopra sono le prime conseguenze, arrivate a tempo di record. In virtù del punteggio social molti non hanno potuto viaggiare in treno o in aereo, e se ne sono resi conto quando hanno tentato, invano, di comprare un biglietto. È il primo di una serie di provvedimenti, che fra gli altri prevede anche la compilazione (forse già in divenire) di una “lista nera” pubblica con elencati tutti coloro che non stanno dando il buon esempio.

Secondo le fonti, ci si starebbe avvicinando alla realizzazione, entro il 2020, di un database con le relazioni sui comportamenti di ogni singolo cittadino (circa 1,5 miliardi di persone), al cui interno sarà possibile effettuare ricerche tramite dati biometrici. Qualcuno parla di schedatura di massa, altri sottolineano come “i buoni cittadini” non abbiano nulla da temere. A scanso di equivoci, l’unica cosa da fare è evitare di pubblicare sui social tutto quello che si fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mini Cheetah è il robot che fa i salti mortali all’indietro come un agile cagnolino

prev
Articolo Successivo

Addio ai CD a 40 anni dalla nascita, oggi comanda la musica in streaming

next