Che l’attività online di ciascun utente sia di pubblico dominio si sa, così come che la condivisione di informazioni possa avere delle conseguenze spiacevoli. Dalla Cina arriva una prospettiva particolarmente inquietante. Entro il 2021, a tutti i residenti di Pechino verrà assegnato un punteggio “social” – anche in base alle attività online – che comporterà privilegi e limitazioni.

Un esempio estremo di controllo di massa lontano dalla cultura occidentale e dalla tutela dei diritti dei cittadini di cui beneficiamo in Europa. Ma non per questo da sottovalutare. In un certo senso ci riguarda, nella misura in cui fa capire quanto l’attività digitale possa avere effetti collaterali concreti nella vita reale. Tornando ai piani del governo cinese, le persone con un basso punteggio saranno ritenute “indegne di fiducia” e pertanto passibili di punizioni e limitazioni. Prima fra tutte, il divieto di viaggiare in aereo o su treni veloci, di iscrivere i propri figli a scuole di un certo livello, e di accedere a Internet.

Foto: Depositphotos

 

Come distinguere i buoni dai cattivi? Semplice: attingendo a man bassa da quello che i cittadini, spontaneamente, pubblicano. I donatori di sangue guadagnano punti nella inquietante “graduatoria” governativa. Lo stesso vale per chi fa volontariato. Azioni positive e da imitare, quindi premianti. Chi, invece, prende una multa perde punti, perché evidentemente la sua azione è stata riprovevole, e l’aver pagato la contravvenzione non è sufficiente per espiare la colpa. Va da sé, visto che parliamo di regime, che pubblicare qualsiasi contenuto sgradito alle autorità faccia perdere punti. Le azioni singole non sono l’unico metro di valutazione: se fra i propri “amici social” ci sono persone che hanno “meritato” un punteggio basso, si perdono punti. Un’applicazione al limite del maniacale del nostro proverbio “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei“.

Immagine: Depositphotos

 

Posto che oggi non abbiamo motivo di temere che ci accada qualcosa di analogo a quanto descritto sopra, è comunque bene prestare attenzione a quello che si pubblica. I profili social vengono spesso consultati dai potenziali datori di lavoro quando ci si candida per una posizione. Ci sono stati casi in passato in cui i post su Facebook sono stati usati per valutare l’integrità morale di insegnanti o educatori.

Quindi bisogna mentire online? No, basterebbe essere un po’ più riservati, ed evitare di mettere sulla piazza mediatica tutto quello che si fa e che si pensa, minuto per minuto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La vita sulle astronavi del futuro sarà molto complessa ma ci aiuterà l’Intelligenza Artificiale. È allo studio il moderno HAL 9000

prev
Articolo Successivo

Il sistema satellitare Galileo è un orologio estremamente preciso che favorirà l’Internet delle cose

next