Michele Santoro di nuovo su Rai2, magari per condurre, produrre o prestare la sua consulenza al programma Popolo Sovrano. Per ora si tratta solo di un’indiscrezione raccolta dai parlamentari della Lega in commissione di Vigilanza, già smentita dalla rete diretta da Carlo Freccero che nega ci siano “accordi sul tavolo per il ritorno del giornalista su Rai2 o progetti concreti in partenza”.

A sollevare polemicamente la questione sono stati i parlamentari leghisti che hanno presentato un quesito in commissione di vigilanza per chiedere di confermare o smentire la notizia e per sapere a quanto ammonterebbe il compenso del giornalista. “Se per sopperire all’ennesimo flop in termini d’ascolto, il direttore di Rai2 Carlo Freccero intende affidare al giornalista Michele Santoro la conduzione e/o la consulenza, se non addirittura la produzione del programma di approfondimento politico Popolo sovrano o di un nuovo format affine, chiediamo alla società concessionaria non solo se queste notizie siano semplici indiscrezioni ma anche a quanto ammonterebbe l’eventuale compenso riconosciuto al giornalista per la nuova versione di Popolo sovrano, che, a detta di Freccero, potrebbe superare le disastrose cifre Auditel, o per la conduzione di un nuovo programma sostitutivo”. Questa la nota diramata dal deputato piemontese Paolo Tiramani, capogruppo leghista in vigilanza Rai, di cui fanno pare anche Giorgio Maria Bergesio, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Umberto Fusco, Igor Giancarlo Iezzi e Simona Pergreffi.

Da Rai2 è arrivata prontamente una smentita: “Carlo Freccero ha incontrato Michele Santoro recentemente, ma non ci sono accordi sul tavolo per il ritorno del giornalista su Rai2 o progetti concreti in partenza, né si è mai parlato del talk Popolo Sovrano“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Copyright, via libera della commissione del Parlamento Ue alla riforma. Editori soddisfatti. M5s: “Ferita libertà rete”

prev
Articolo Successivo

Rai, commissione Vigilanza convoca Salini su rispetto pluralismo e piano industriale

next